Quantcast

Bufera social su Fratelli d’Italia per il post con la foto di Alessia Bonari

GROSSETO – Una foto e una frase. Il bel volto di Alessia Bonari, l’infermiera originaria di Grosseto che era diventata famosa dopo aver pubblicato una propria foto con il viso segnato dalla fatica e dalla mascherina. Sotto il logo del partito Fratelli d’Italia. La foto è stata pubblicata sulla pagina Facebook del partito di Giorgia Meloni “Dipartimento Equita’ Sociale e Disabilità FdI Toscana”.

Oltre alla foto della ragazza una frase in cui spiega di aver donato il proprio compenso per aver partecipato alla kermesse sanremese “alle cure ai malati terminali. Ho accolto con grande onore questo invito, ma la mia quotidianità è un’altra”. La ragazza è stata invitata a Sanremo, per raccontare la propria esperienza, e ha deciso di donare il compenso all’associazione la Farfalla.

La foto è stata ripresa anche dall’assessore di Fratelli d’Italia, Fabrizio Rossi, sulla propria pagina Facebook. Ma la scelta ha scatenato molte polemiche sul profilo social dell’assessore.

A molti non è piaciuta la scelta di associare il volto della ragazza al logo del partito, tanto che Giacomo Gori del Movimento 5 Stelle ha invitato l’assessore a togliere il logo del partito «Come puoi arrivare a tanto» e anche la madre della giovane ha commentato dicendo «Come madre di Alessia sono pienamente d’accordo [con Gori ndr]».

Rossi dopo aver commentato «Vedo dei commenti squallidi che non sanno di onestà intellettuale ma di pura offesa politica. L’intento del post è esaltare l’esempio positivo che Alessia ha rappresentato anche in questa occasione. Se avesse fatto la stessa cosa il Pd o il Movimento 5 Stelle o un partito comunista andava tutto bene… vero? Tolgo la foto poiché mi è stato chiesto in privato, ma soprattutto leggo dei commenti ignobili. Una foto che si può trovare pubblicamente, in teoria su ogni post» ha sostituito la foto con due immagini della ragazza. La foto si trova ancora invece sulla pagina “Dipartimento equità sociale” del partito

Commenti