Quantcast

Maremma Magazine: in edicola ed on line il numero di marzo

Più informazioni su

GROSSETO – Dopo la consueta pausa di gennaio e febbraio, Maremma Magazine, l’unico mensile di informazioni turistiche e culturali dedicato alla Maremma, alla sua gente, alle sue bellezze, alle sue eccellenze, è finalmente tornato.

Un numero ricchissimo, quello di marzo, già in edicola ed on line, con il quale tra l’altro la testata diventa maggiorenne festeggiando il 18esimo compleanno con quello che risulta essere il 198esimo numero della serie.

Tantissimi anche questo mese gli approfondimenti ed i focus all’interno della rivista diretta da Celestino Sellaroli, che dal 2003 racconta la nostra terra e tutto ciò che di bello offre dal punto di vista turistico, culturale, enogastronomico, storico, degli eventi e molto di più.

maremma magazine marzo 2021

L’apertura è dedicata al bilancio che Luca Agresti, vicesindaco ed assessore con delega al Turismo, alla Cultura e alle Mura medicee del Comune di Grosseto, traccia alla fine del suo primo mandato da amministratore del capoluogo maremmano.

In evidenza, sul fronte turistico, il servizio sulle Bandiere gialle, ovvero il riconoscimento FIAB-ComuniCiclabili che valuta il grado di ciclabilità dei territori e affianca le amministrazioni locali nel promuovere il cambiamento in atto in tema di mobilità in bicicletta. Ebbene, in questa quarta edizione i mitici “bike-smile” sono andati a Grosseto, Castiglione della Pescaia, Follonica e Scarlino, confermando la Maremma come paradiso per gli amanti delle “due ruote”.

In materia di eventi segnaliamo il focus su “La Maremma per Dante, Cultura per la vita 1321-2021”, il programma delle celebrazioni organizzate per il Settecentenario dalla morte di Dante Alighieri che terranno banco per tutto l’anno, da febbraio a novembre. Sul filone dantesco da citare è anche il pezzo dedicato a Pia de’ Tolomei (“Siena mi fé; disfecemi Maremma”), uno tra i personaggi più celebri e noti del grande poema, per lo meno nella ricezione popolare, la cui triste storia viene raccontata da Lucio Niccolai.

Nel numero di marzo si parla poi di due giardini d’arte contemporanea presenti in Maremma e sull’Amiata: il Giardino dei Tarocchi di Capalbio e quello di Daniel Spoerri a Seggiano, messi a confronto in un servizio a firma di Federica Casini, saggista e francesista di formazione nonché insegnante di francese all’Istituto Zuccarelli nella sede di Pitigliano.

Da segnalare anche l’itinerario sull’Amiata in slow-motion tra bellezze paesaggistiche e vicende del passato, alla scoperta di luoghi magici, talvolta mistici, sicuramente poco frequentati, ma pieni di storia, bellezze naturali, ricordi, memorie di un tempo ormai andato che qui sembra essersi fermato.

Per la rubrica «Aziende al Top | Storie di imprese e di imprenditori di Maremma» l’approfondimento è per Chimica Edile una multinazionale “familiare” con sede Castiglione della Pescaia che quest’anno festeggia il quarantennale.

Per chi ama la storia si parla di Talamonaccio, la montagna sacra con vista mozzafiato sul mare di Toscana. E poi ancora della distruzione dell’archivio comunale di Grosseto, una vicenda poco nota, sfuggita ai più grandi storiografi del tempo, ma a quanto pare, realmente avvenuta per mano del pirata Horuc detto il Barbarossa durante una delle sue incursioni nel Tirreno centrale nell’anno domini 1544. E infine di Pitigliano e del Castello Orsini, il fascino maestoso di un gioiello della Maremma svelato attraverso le tavole di Massimo Tosi.

Per la rubrica «Di vino in cibo | I protagonisti dell’enogastronomia maremmana» spazio alla Cantina I Vini di Maremma, in località Il Cristo a Marina di Grosseto, una bella realtà con ben 65 anni di storia, che nell’ultimo periodo ha portato avanti un progetto di restyling della filosofia, dell’immagine e della comunicazione, con risultati importanti.

Infine, «Il vino del mese» è il Poggio Lombrone Montecucco Sangiovese Riserva Docg 2016, il gran cru di ColleMassari, importante aziende vitivinicola che ha trovato la propria consacrazione attraverso un percorso vocato alla valorizzazione della qualità e dell’eccellenza, con un approccio avveniristico, a suggello di grandi capacità imprenditoriali, in tre aree ben distinte, tutte Toscane: Castello ColleMassari in Maremma, Grattamacco a Bolgheri, Tenuta San Giorgio e Poggio di Sotto a Montalcino.

Insomma, un altro numero da non perdere. 132 pagine tutte da sfogliare e godere, piene di cose belle.

Maremma Magazine è in vendita in tutte le edicole della provincia di Grosseto e nella zona della Val di Cornia (basso livornese), e si può acquistare e leggere anche on line attraverso la piattaforma digitale raggiungibile da questo link: https://goo.gl/pG3sGP che consente appunto di acquistare e leggere la copia digitale, da PC, tablet e smartphone.
Buona lettura.

In copertina, uno scorcio di Castiglione della Pescaia.

Più informazioni su

Commenti