Quantcast

Contenimento specie aliene, la minoranza: «Perché il Progetto Life non è passato per il Consiglio?»

Più informazioni su

ISOLA DEL GIGLIO – Il gruppo consiliare di minoranza Progetto Giglio ha presentato un’interrogazione al sindaco Sergio Ortelli in merito al “Progetto Life 2018”, finanziato dalla Comunità Europea, riguardante interventi di eradicazione e/o contenimento di specie aliene vegetali e animali (fico degli ottentotti, mufloni, conigli selvatici, eccetera) sul territorio di Isola del Giglio.

“L’interrogazione non vuole entrare nel merito delle procedure o strategie proposte dal progetto stesso – spiegano dall’opposizione -, non essendo questa la fase istituzionale in cui si sarebbero dovuti considerare e valutare i diversi aspetti, ma sulla modalità di approvazione dell’accordo tra Comune e Parco Nazionale Arcipelago Toscano”.

Ecco di seguito il testo dell’atto.

I sottoscritti consiglieri comunali del gruppo “Progetto Giglio”

tenuto conto di quanto afferma l’articolo 42, comma 2, del D.Lgs. 267/2000 e successive modifiche e integrazioni (TUEL) e la giurisprudenza consolidata, e cioè che il Consiglio comunale ha competenze per tutti gli atti riguardanti interventi di indirizzo, programmazione e pianificazione del territorio e che rispetto a tali atti tale competenza è inderogabile, esclusiva, tassativa;

considerato che, salvo le variazioni di bilancio, le decisioni in ordine agli argomenti di competenza del Consiglio comunale non possono venire adottate da nessun altro organo del Comune, nemmeno in via di urgenza;

preso atto del PROGETTO LIFE 2018, finanziato dalla Comunità Europea, riguardante interventi di eradicazione e/o contenimento di specie aliene vegetali e animali (fico degli ottentotti, mufloni, conigli selvatici, eccetera) sul territorio di Isola del Giglio;

preso atto delle numerose e legittime prese di posizione di singole persone e associazioni, anche se antitetiche, sia a livello locale che nazionale;

non volendo entrare nel merito delle procedure o strategie proposte dal progetto stesso, non essendo questa la fase istituzionale in cui si sarebbero dovuti considerarne e valutarne i diversi aspetti

chiediamo, al sindaco, in base a quale atto di organo collegiale lei sia stato delegato a sottoscrivere e approvare il progetto in data 3 gennaio 2019.

Più informazioni su

Commenti