Quantcast

Vaccini, Spadi: «La Toscana regione guida in Italia. Mettere in sicurezza i vulnerabili»

Più informazioni su

GROSSETO – “Sui vaccini la Toscana sta mettendo in campo un’organizzazione efficace e ad oggi è la terza regione in Italia per efficienza nel rapporto tra dosi di vaccino ricevute e dosi somministrate. La nostra regione ha fatto uno sforzo immane attivando canali diversi per platee differenti. Dapprima gli hub per gli operatori sanitari mettendo in sicurezza i luoghi della cura. Poi, primi in Italia, attraverso un accordo con i medici di famiglia è iniziata la vaccinazione per gli over 80. Nel frattempo sono stati attivati in accordo con i comuni punti vaccinali distribuiti capillarmente in tutto il territorio regionale; al momento in Toscana sono 70, mi auguro che le giunte comunali collaborino attivamente con la Regione per individuarne altri e che possano aumentare nei prossimi giorni.”

Così la consigliera regionale Donatella Spadi intervenendo durante i lavori del Consiglio regionale commenta la comunicazione della Giunta in merito al piano vaccinale.

“Auspichiamo che le dosi di vaccino a disposizione aumentino e che l’efficienza dimostrata nell’organizzazione di questa prima fase possa corrispondere ad un gran numero di vaccinati nei prossimi mesi – spiega la Spadi – In questo senso grande attenzione per la proposta del Presidente Giani sulla proposta di produrre il vaccino o parti della produzione nella nostra Regione. La Toscana per capacità organizzative e competenze professionali ha le caratteristiche per essere una regione guida in Italia.”

“Credo che il presidente Giani e l’assessore Bezzini stiano facendo un ottimo lavoro e di questo li ringrazio – conclude Spadi – Per le prossime settimane le nostre priorità saranno mettere in sicurezza gli over 80 e le persone estremamente vulnerabili, attivarsi per favorire la produzione dei vaccini in Italia e informare adeguatamente i cittadini.”

 

Più informazioni su

Commenti