Rifiuti: il sindaco incontra Sei Toscana. «Meno disservizi» Ecco cosa cambierà

CINIGIANO – Il sindaco di Cinigiano, Romina Sani ha avviato una serie di incontri con Ato Rifiuti Toscana Sud ed il gestore Sei Toscana per migliorare il servizio al concludersi dell’anno di sperimentazione della riorganizzazione del servizio, e anche a seguito di una mozione presentata dalla maggioranza in Consiglio comunale sui “disservizi Sei Toscana”.

«Tali incontri hanno consentito di verificare le criticità sottoposte dall’Amministrazione comunale ad Ato e Sei Toscana per identificare soluzioni che rendano il servizio decoroso, dignitoso e funzionale, anche rispetto al costo sostenuto dai cittadini».

«Molte le misure che sono state concordate con Sei Toscana, tra cui una soluzione tecnica di ancoraggio a terra dei bidoncini e bloccaggio coperchio che sarà testata nei prossimi giorni nelle postazioni più critiche in caso di eventi atmosferici» prosegue Romina Sani.

«Sei Toscana ha richiamato gli operatori al corretto svolgimento del servizio, in particolare a chiudere completamente la copertura della vasca dei mezzi che svuotano i bidoncini del materiale leggero e ad adottare tutte le cautele necessarie in attesa della realizzazione e predisposizione dei sistemi di ancoraggio. Sei Toscana predisporrà una volta al mese un controllo generale delle aree per effettuare pulizie straordinarie delle banchine in caso di dispersione di materiale leggero».

«Per le utenze non domestiche l’invito è a segnalare eventuali passaggi non effettuati. Infine, i servizi “a chiamata”, per i quali Sei Toscana riceve la richiesta da parte dell’utente, avranno un tempo di risposta garantito di 15 giorni al massimo» conclude il sindaco.

L’Amministrazione ricorda che i canali che possono essere utilizzati per avere informazioni sui servizi o per le segnalazioni sono il numero verde 800-127484, il sito internet seitoscana.it, l’app SeiToscana e la mail dedicata attivazioni.cinigiano@seitoscana.it, oltre al contatto diretto con i referenti di Area.

Si ricorda inoltre il servizio WhatsApp “Il Cittadino Informa”, per la cui attivazione bisogna salvare in rubrica il numero 3381063851 e inviare nome, cognome e segnalazioni.

Commenti