Moria di pesci nel canale, FdI: «L’ennesimo episodio. Il Comune ponga rimedio»

SCARLINO – “Tra poco partirà la prossima stagione turistica e tali accadimenti rischiano di danneggiare non solo l’immagine del nostro comune agli occhi degli scarlinesi, ma anche di quanti apprezzano le nostre bellezze e il nostro mare scegliendo Scarlino come meta turistica”.

A dirlo Salvatore Aurigemma e Paolo Raspanti, rispettivamente responsabile circolo e consigliere comunale Fratelli d’Italia Scarlino, in merito all’episodio di moria di pesci del 3 febbraio scorso nel canale di Scarlino che sfocia a mare, nella zona Puntone.

“Abbiamo appreso che, dopo i fatti accaduti – continuano gli esponenti di Fratelli d’Italia -, è intervenuta la Polizia municipale, ed è stata allertata anche l’Arpat per i dovuti accertamenti”.

“Come Fratelli d’Italia – proseguono Aurigemma e Raspanti – chiediamo un ulteriore impegno da parte dell’amministrazione comunale a salvaguardia dell’ambiente e del nostro territorio, con Sindaco e giunta, nel farsi parte attiva nei confronti delle aziende che utilizzano il canale”.

“E’ doveroso secondo noi accertare se i valori del Ph, della clorazione, del controllo delle sostanze organiche, del carbonio disciolto che consente di vedere in tempo reale eventuali tracce di idrocarburi ed oli del canale stesso, siano monitorati e registrati e che tali dati siano poi messi a disposizione, oltre che delle autorità preposte, anche dell’amministrazione comunale e quindi di tutti i cittadini. Questo stato di cose non può più essere accettato”, concludono Salvatore Aurigemma e Paolo Raspanti.

Commenti