Commissario Due Mari, il sindacato: «Rispettare il contratto e i lavoratori»

GROSSETO – “La notizia della nomina del Commissario per la E78 nell’ad di Anas, che aspettavamo da qualche mese, è arrivata pochi giorni fa. Come abbiamo più volte sostenuto non sarà un liberi tutti – avverte la Fillea Cgil Toscana, Arezzo, Grosseto e Siena -. Non ci sarà quella deregolamentazione mascherata da semplificazione che avrebbe caratterizzato il modello Genova tanto reclamato anche da alcune istituzioni locali, ma grazie all’accordo nazionale tra il Mit, la Fillea Cgil, Cisl e Uil di Nazionali categoria saranno sottoscritti Protocolli con gli stessi Commissari che ci convocheranno come organizzazioni sindacali territoriali di settore in base all’articolo 4 della Legge di conversione dello Sblocca Cantieri”.

Prosegue il sindacato: “Potremo realizzare le opere non solo in tempi più stretti ma soprattutto nel rispetto del Contratto nazionale dell’edilizia per contrastare il dumping contrattuale, con controlli più rigidi sulle imprese coinvolte, comprese quelle in subappalto, più formazione dei lavoratori, grazie anche agli Enti bilaterali. Dovrà essere inoltre attuato un sistema di monitoraggio delle presenze e delle ore lavorate in cantiere attraverso il badge del lavoratore per garantire la congruità del lavoro ed evitare irregolarità”.

“Si realizza – spiega la Fillea Cgil Toscana, Arezzo, Grosseto e Siena – quanto da noi più volte richiesto, anche alla Regione Toscana, per tutte le Grandi Opere nel nostro territorio, garantendo, attraverso la contrattazione, diritti, tutele, sicurezza e legalità”.

 

Commenti