Vengono da fuori regione per fare il bagno alle Cascatelle di Saturnia. Multati

SATURNIA – Sono partiti dal Lazio per farsi il bagno alle Cascatelle di Saturnia, in barba ai provvedimenti anticontagio. Due uomini di 30 e 50 anni, neppure parenti tra loro, sono stati trovati da una pattuglia della tenenza di Orbetello della Guardia di finanza.

I due hanno raccontato di essere partiti da Roma per andare in una località termale del Lazio che però hanno trovato chiusa, e di aver proseguito sino a Saturnia, nel comune di Manciano, “sconfinando” fuori regione. Tra l’altro era già successo qualche settimana fa di trovare alcune persone alle terme.

Le uniche attività termali che non sono sospese e possono quindi legittimamente operare sono solo quelle (pur presenti e regolarmente operative, tanto in Toscana quanto in tutto il territorio nazionale) riconosciute quali “presidio sanitario” ed autorizzate alla prestazione di cure termali e balneoterapia collettiva in acqua termali.

Per i due trasgressori è scattata la verbalizzazione delle violazioni, con una sanzione pecuniaria che va dai 400 ai mille euro ciascuno; al termine delle procedure di rito sono stati invitati a rientrare nella loro regione di appartenenza. Il servizio conferma in particolare la presenza del Corpo nel pattugliamento del confine regionale per verificare il rispetto delle norme, peraltro a distanza di una settimana da un altro precedente analogo controllo, nel corso del quale tre soggetti di Viterbo erano stati ugualmente sanzionati per lo sconfinamento ed il bagno alle Cascatelle.

Commenti