Toscana zona gialla, Giani: «Seconde case: se si viene da fuori regione ci vuole il medico»

Più informazioni su

GROSSETO – «Non abbassiamo la guardia». Il presidente della Regione Eugenio Giani lancia un nuovo appello ai toscani per tenere alta l’attenzione e non vanificare tutti i progressi fatti fino oggi.

«Se oggi – ha detto Giani – la Toscana è per la terza settimana consecutiva in zona gialla, il merito è dei cittadini di questa Regione». Allo stesso tempo però vista la velocità con cui possono mutare i parametri presi in considerazione dalla cabina di regia del ministero della salute, è necessario continuare a stare attenti: indossare la mascherina, lavarsi spesso le mani, mantenere le distanze ed evitare gli assembramenti.

Giani nella diretta Facebook che potete seguire in alto, ha anche parlato della campagna di vaccinazione in Toscana che per il momento visto la diminuzione delle dosi consegnate da Pfizer all’Italia si sta concentrando sulla somministrazione delle seconde dosi. Ad oggi infatti

Stamattina intanto il presidente Giani ha firmato una nuova ordinanza sulle seconde case. Nel provvedimento viene specificato che nel caso di persone che da altre regioni, visto il divieto di spostamento tra Regioni, arrivino in Toscana nella loro seconda casa debbono comunque avere il medico di famiglia sul territorio della nostra regione.

Per quanto riguarda la scuole il presidente ha confermato che anche per la prossima settimana gli studenti delle scuole superiori potranno seguire le lezioni in presenza con la percentuale del 50%.

Più informazioni su

Commenti