Uffici postali, Fratelli d’Italia attacca: «Santa Fiora ancora penalizzata, il sindaco intervenga»

Più informazioni su

SANTA FIORA – “Apprendiamo dalla stampa, notizia di alcuni giorni fa – dicono Guendalina Amati, responsabile di circolo Fratelli d’Italia Amiata e Diego Bui consigliere comunale Fratelli d’Italia Santa Fiora – che Poste Italiane ha finalmente deciso, dopo innumerevoli sollecitazioni da parte di alcuni sindaci della nostra provincia, di ripristinare l’apertura di sportelli postali, chiusi o ridimensionati nei mesi passati per via del Covid-19”.

“Ci duole evidenziare, però, – proseguono Amati  e Bui – almeno stando a quanto apprendiamo dalle numerose lamentele che ci sono pervenute dagli abitanti, soprattutto persone anziane e fragili, della frazione di Bagnolo, nel comune di Santa Fiora, che l’apertura dell’ufficio postale ancora oggi prosegue in un solo giorno alla settimana, così da creare forte disagio agli abitanti della frazione amiatina”.

“Il fatto che ci sembra strano è quello,- commentano i due esponenti di Fratelli d’Italia – che uffici postali simili, sia per popolazione e tipologia a quello di Bagnolo, come ad esempio quello di Vallerona nel comune di Roccalbegna, dove l’amministrazione comunale, sindaco in testa, si è da subito fortemente mobilitata per il ripristino della piena apertura pre-Covid, attenendo quanto richiesto, mentre amministrazioni comunali come quella di Santa Fiora, sembrerebbero ancora ferme o poco più”.

“Quello che fortemente chiediamo a Sindaco e Amministrazione comunale di Santa Fiora, – concludono Guendalina Amati e Diego Bui – è che si attivino con forza, casomai non l’avessero già fatto, con poste italiane affinché, come  è avvenuto in altre località e uffici postali della nostra provincia sia ripristinata l’apertura piena dell’ufficio postale amiatino. I cittadini della frazione di Bagnolo meritano rispetto. Fratelli d’Italia sarà sempre al fianco della popolazione, facendosi portavoce di tutte le istanze”.

Più informazioni su

Commenti