Quantcast

Tirrenica, anche Cinelli all’attacco: «Basta vuote parole, è l’ora di passare ai fatti»

“Da sindaco di un territorio attraversato dall’Aurelia – afferma Cinelli- ritengo necessario un suo adeguamento, perché gli incroci a raso, alcuni dei quali ski trovano nel mio comune, sono pericolosi e sono spesso causa di incidenti mortali. Non è possibile continuare ad  assistere agli annunci del Ministro di turno per poi rimanere con un pugno di mosche in mano. Sono più di 50 anni che ci sentiamo presi in giro”. Cinelli ribadisce la sua posizione. “Io – afferma- al pari degli altri Sindaci della costa ho fatto la battaglia per dire no alla trasformazione dell’Aurelia in autostrada, ma non sono a priori contrario a quest’ultima. Dico ben venga un eventuale tracciato autostradale, ma purché l’Aurelia rimanga gratuita e con un suo percorso autonomo. L’importante è che si decida in fretta e se si punta sull’attuale Statale che lo si faccia con convinzione, adeguandola e mantenendola gratuita. I tempi delle chiacchiere però sono finiti”.

Commenti