Coronavirus, insegnante positiva: chiude la scuola

ISOLA DEL GIGLIO – «Ancora contagi sull’Isola del Giglio, ma stavolta a farne le spese è la scuola primaria di Giglio Castello. Il caso di positività di un’insegnante delle elementari, infatti, ha reso necessario, nella mattinata di oggi, la chiusura temporanea del plesso scolastico in attesa che l’indagine epidemiologica, avviata dall’Ufficio di Igiene, favorisca le azioni da adottare per circoscrivere i casi». Ne dà notizia il sindaco Sergio Ortelli.

«Non sarà escluso uno screening esteso a tutta la scuola – prosegue -, con tamponi molecolari da eseguire anche alla Secondaria di Primo Grado di Giglio Porto, oltre ai soggetti entrati in contatto con casi positivi già conosciuti, in modo da isolare e gestire definitivamente la diffusione del contagio. Diffusione che risale, senza ombra di dubbio, al periodo natalizio o perlomeno derivante dagli effetti di quel periodo.

Per questi motivi, ho emesso un’ordinanza per disporre la chiusura del plesso da partire da oggi, venerdì 15 gennaio, per circa 10 giorni, in attesa degli esiti dei tamponi in programma per la settimana prossima.

Nessun dramma ma ho dovuto chiudere la scuola per consentire gli accertamenti di rito e provvedere alla sanificazione delle aule. Si tratta di mettere in sicurezza i bambini, i docenti e le loro famiglie, in attesa dei risultati previsti per la settimana prossima. Raccomando però a tutte le famiglie coinvolte di rimanere protette in isolamento domiciliare fino a quando la situazione non si normalizzerà. Sarà mia cura tenere informati le famiglie con comunicati giornalieri a partire da domenica 17 gennaio.

Al caso di cui sopra si aggiungono altri contagi, due per la precisione, portando così il conteggio totale dei casi Covid-19 a 15. Le operazioni di tracciamento, come già detto, sono iniziate immediatamente e hanno determinato, per cause di contatto diretto, la chiusura precauzionale di un esercizio di somministrazione di bevande a Giglio Castello.

Anche se si possono fare solo ipotesi, crediamo si tratti ancora di strascichi del periodo natalizio e delle conseguenze dovute ai contatti casuali con contagiati già individuati e registrati. Il lavoro di tracciamento, ad opera della ASL coadiuvata dall’Amministrazione comunale, sarà svolto con la massima celerità ed accuratezza.

Lunedì 18 gennaio sono previsti altri tamponi – conclude Ortelli – in modo tale da frenare una possibile emorragia di contagi che oggi interessa anche e soprattutto la scuola gigliese».

Commenti