Festa di sant’Antonio abate: torna la tradizionale benedizione degli animali. Ecco dove e quando

GROSSETO –  Il 17 gennaio è la memoria liturgica di sant’Antonio abate, uno dei padri del monachesimo, figura di grande fascino, la cui biografia è una ricchezza di spiritualità enorme. L’abate Antonio è anche il protettore degli animali e da secoli, soprattutto nelle campagne, c’è la consuetudine di benedire gli animali e anche il fuoco e le sementi.

Questa tradizione si rinnova anno dopo anno anche sul nostro territorio, e la zona gialla nella quale la Toscana è stata collocata dopo le feste natalizie consente maggiori margini di manovra nella organizzazione di momenti comunitari. È per questo che diverse parrocchie hanno colto l’opportunità per rinnovare l’appuntamento

La festa quest’anno cade di domenica 17 gennaio. Ecco alcune iniziative in programma:

La Parrocchia di Roselle rinnova la consuetudine della “Festa di Dio nel creato”, che viene celebrata annualmente nella cappella rurale di Vallerotana, dove anni fa venne eretta un’edicola a sant’Antonio. L’appuntamento è alle 11 con la Messa e la benedizione degli animali. Per partecipare Prenotazione obbligatoria al seguente link: https://roselleparrocchia.wixsite.com/website

A Grosseto nella Parrocchia Madre Teresa di Calcutta la benedizione avrà luogo alle 10. Nella Parrocchia di Santa Lucia alle 11 al “piazzalone” di via De Amicis. Nelle parrocchie di San Giuseppe e Addolorata le benedizioni sono in programma alle 12.30.

Benedizione degli animali anche nelle parrocchie di Scarlino dopo le Messe festive: 8.30 al Puntone, 10 a Scarlino scalo; 11.15 a Scarlino.

A Principina Terra doppio appuntamento al termine della prefestiva del sabato (17.30) e alla festiva di domenica (ore 11).

Nella Parrocchia Madonna di Lourdes di Arcille benedizione al termine della Messa delle ore 10. A Sassofortino alle 10, a Torniella alle 11.30. A Caldana benedizione di animali e mangimi dopo le due Messe a Grilli (ore 9,45) e a Caldana (ore 11).

 

Commenti