“Scuole sicure”: contro il Coronavirus arrivano i test rapidi ai ragazzi delle superiori

GROSSETO – L’Azienda Usl Toscana Sud Est è in campo per dare piena attuazione alla campagna di monitoraggio delle infezioni da Covid “Scuole sicure”, prevista dalla giunta regionale con la delibera 1645 del 21 dicembre scorso.

test sierologici Coronavirus 2020

A partire da lunedì prossimo, 18 gennaio, saranno effettuati i test, in base alle direttive della Regione, agli studenti delle scuole secondarie superiori individuate dall’Agenzia regionale di sanità, utilizzando tamponi antigenici rapidi.

In tutte gli istituti prescelti, saranno coinvolti cinque alunni per ogni classe della sezione individuata per il monitoraggio (quindi venticinque studenti per ogni indirizzo di studio); l’operazione sarà ripetuta nelle settimane successive ogni volta su altri cinque studenti delle stesse classi, garantendo una costante verifica della situazione.

“Scuole sicure” prevede inoltre che in caso di una sospetta positività, riscontrata all’interno di una classe, venga quanto prima effettuato il tampone di verifica. Nel caso fosse riscontrata la positività al Covid-19, si attiverà subito l’attività di tracciamento: l’intera classe e gli insegnanti saranno sottoposti a tampone.

“Attraverso il coinvolgimento attivo degli studenti – dice Simona Dei, direttore sanitario dell’Azienda Usl Toscana Sud Est – con questo studio potremo avere un quadro in costante aggiornamento della situazione, monitorarlo e muoverci nei tempi adeguati per tutte le azioni che si dovessero rendere necessarie. Desidero ringraziare per la collaborazione tutte le istituzioni scolastiche, che hanno così consentito di organizzare questo importante studio regionale”.

Ecco gli istituti di istruzione secondaria superiore e i relativi indirizzi di studio, come stabilito dall’Ars.

In provincia di Grosseto gli indirizzi sono undici: nel capoluogo Carducci-Ricasoli (liceo classico), Leopoldo II di Lorena (servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale), Leopoldo II di Lorena (enogastronomico), Porciatti (meccanica, meccatronica, energia), Polo Bianciardi (liceo musicale e coreutico), Polo Bianciardi (serale), Fossombroni (scientifico), Fossombroni (tecnico), A. Rosmini (linguistico); a Follonica Cattaneo (liceo scientifico), Fibonacci (istituto tecnico).

In provincia di Arezzo sono nove gli indirizzi coinvolti: nel capoluogo Margaritone (servizi socio-sanitari), Buonarroti-Fossombrone (amministrazione, finanza e marketing), Buonarroti-Fossombrone (tecnologico), Petrarca (liceo classico), Vittoria Colonna (liceo linguistico), Redi (liceo scientifico), Liceo artistico annesso al convitto, Galileo Galilei (Itis); a Montevarchi Benedetto Varchi (liceo classico).

In provincia di Siena sono diciotto gli indirizzi di studio coinvolti: nel capoluogo Piccolomini (liceo classico), Piccolomini (scienze umane), Caselli (servizi socio-sanitari), Marconi (industria e artigianato), Monna Agnese (tecnico biologico-linguistico), Galilei (liceo scientifico), Sarrocchi (meccanica, meccatronica, energia); a Poggibonsi Roncalli (amministrazione, finanza e marketing), Sarrocchi (tecnico-industriale); a Colle Val d’Elsa San Giovanni Bosco (linguistico), Volta (liceo classico); a Montepulciano Poliziano (classico), San Bellarmino (linguistico, scienze umane), F. Redi (tecnico), Caselli (servizi socio-sanitari); a Montalcino Ricasoli (agricoltura e sviluppo rurale), Lambruschini (linguistico); a Chianciano Terme Artusi (servizi gastronomici e ospitalità alberghiera).

Commenti