Rifiuti, Lynn: «Il Comune si serva di un “waste manager” per valutare l’efficienza del servizio»

Più informazioni su

FOLLONICA – Il consigliere di minoranza Charlie Lynn ha presentato una mozione per individuare un manager specializzato al fine di valutare l’efficienza del servizio rifiuti.

“Il nuovo metodo tariffario imposto dall’Autorità nazionale Arera produrrà un ulteriore aumento della Tari per i follonichesi, che va a sommarsi a quelli del 2019 – spiega -. Anche la maggioranza pare essersi resa conto che sussiste un problema di efficienza del servizio. D’altro lato, è difficile per un singolo Comune indicare per la propria città sistemi di spazzamento, raccolta e gestione rifiuti ottimali.

Ma se la bolletta continua a aumentare, qualcosa non va ed è necessario valutare tutte le opportunità.

Con il nuovo metodo tariffario potrebbero arrivare aumenti per un ulteriore 5% e nel giro di pochi anni la Tari potrebbe crescere del 15%, a fronte di servizi rimasti più o meno invariati, almeno agli occhi dei cittadini, facendo di Follonica una delle città con costi più elevati.

Se a ciò aggiungiamo i recenti cambiamenti normativi, che aprono le porte a interpretazioni articolate, ritengo importante un intervento. La mia proposta, che spero abbia l’appoggio di tutto il Consiglio comunale, è quella di ricercare una figura particolare, il waste manager (manager dei rifiuti) , della quale si stanno avvalendo molti altri comuni anche del nostro comprensorio.

Il manager dei rifiuti risulta funzionale a valutare e migliorare l’efficienza dell’attuale servizio di spazzamento, raccolta e gestione dei rifiuti al fine di diminuirne i costi ed ottenere le migliori economie di scala.

Per quanto riferito proprio da esperienze già in corso, i risparmi ottenuti dall’attività di revisione del servizio, curata da questa figura specializzata, sembrano essere veramente considerevoli e a tutto vantaggio dei cittadini.

Tra l’altro, cosa di non poca importanza, questo Manager verrebbe retribuito esclusivamente in base ai risultati ottenuti, cioè attraverso una percentuale sul risparmio realizzato, senza quindi pesare sulle tasche dei cittadini né su quelle di bilancio.

Mi auguro che questa mia richiesta venga valutata in modo oggettivo per il bene della collettività – conclude -, superando contrapposizioni politiche e ragionando solo in funzione della città”.

Più informazioni su

Commenti