L’Atlante Grosseto ci prende gusto, altra goleada esplosiva contro il Sant’Agata

GROSSETO – Un esplosivo Atlante Grosseto inanella la seconda vittoria consecutiva con goleada, liquidando 8-3 l’inseguitrice Sant’Agata. Sul parquet amico della Bombonera e in maglia viola, il team di mister Izzo ripropone una prestazione a due velocità e in crescendo, con un inizio discreto ed una ripresa dalle giocate rapide e irresistibili, con una girandola di sostituzioni praticamente perfetta: dissipati i dubbi e le preoccupazioni emersi durante la sosta natalizia.

Primo tempo gestito dai padroni di casa con giocate buone ma a volte lente e senza il giusto guizzo per il gol. Nel momento migliore dei biancorossi arriva invece il vantaggio degli ospiti con Di Norcia al 12′. Ripresa subito avvincente, con due parate di peso di Ledda e due ripartenze dell’Atlante; fulminea quella al 3′ di Mateo che si chiude con il bolide dell’1-1. Poco dopo, sorpasso di Baluardi che da distanza ravvicinata conclude a rete un assist telecomandato dalla destra. Una manciata di secondi e nuova occasione per i locali su punizione con la sfera in area piccola, ma il portiere rivale riesce a fare scudo.

Al 7′ i maremmani decollano con la terza rete di Gianneschi, servito alla perfezione da Mateo su azione in velocità; trenta secondi dopo, azione fotocopia sulla fascia opposta sempre con lo scambio Mateo-Gianneschi, per un 4-1 da applausi. In un confronto sempre più a senso unico, dopo il tiro di Ammendola, deviato, arriva lo spettacolare 5-1 griffato Tezza, subentrato ad un compagno e subito importante. Un tiro in porta, centrale e deviato, persino per Ledda. Gloria invece per Spinelli: il suo 6-1 è una fuga a cercare il pallone proprio al limite della linea di fondocampo, con tiro angolatissimo e imprendibile; pochi secondi dopo arriva il 7-1 di Baluardi. Sul palo invece il tiro di Senesi.

I bolognesi riescono a ragionare un minimo nel finale: al 17′ gol su punizione di Conti e un minuto dopo traversa sempre sul fronte bolognese. A pochi secondi dal termine, terzo centro del Sant’Agata con Ammendola su tiro libero, ma nell’azione successiva arriva l’ultima fiammata di Varela, che ripristina il gap di cinque marcature fissando il risultato sull’8-3.

Commenti