Progetto Urbact: il Comune cerca un operatore per il piano di azione

GROSSETO – Il Comune cerca un operatore economico che lo supporti nella realizzazione del programma di cooperazione territoriale Urbact III, seconda fase del progetto di cooperazione transnazionale I-Place, di cui l’Amministrazione è partner con altre 9 città europee.

L’intervento mira, grazie anche allo scambio di buone pratiche tra i partecipanti e al coinvolgimento dei principali stakeholder del territorio riuniti in gruppi locali, a produrre strategie di sviluppo economico, partendo dall’approfondimento e dalla comprensione dei propri punti di forza locali sfruttando le relazioni tra le persone, i luoghi e la tecnologia, per stabilire metodologie strategiche per rivitalizzare il proprio tessuto economico, renderlo competitivo e adattare così la città alla “next economy” e ai futuri cambiamenti globali.

“Questo progetto europeo – commentano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore all’Europa, Riccardo Ginanneschi – ci dà la possibilità di confrontarci con altre realtà e di conoscere buone pratiche per lo sviluppo sostenibile e la produttività locale. Per questo crediamo che partecipare a questo bando rappresenti una grande opportunità per gli operatori del nostro territorio”.

L’affidamento avrà una durata di 18 mesi e si concluderà a giugno 2022. Per partecipare c’è tempo fino alle 12 del 1° febbraio. La proposta va inviata in busta chiusa e sigillata all’ufficio Protocollo generale in piazza Duomo, 1. Sul plico deve essere riportata la dicitura “Avviso pubblico per il servizio di supporto operativo e assistenza tecnica alla gestione del programma di cooperazione territoriale Urbact III- seconda fase del progetto I-Place – non aprire” e la ragione sociale del partecipante.

L’operatore economico che verrà individuato si occuperà del coordinamento, della conduzione, della facilitazione e dell’animazione dell’Ulg (Urbact local group) e del supporto all’elaborazione dello Iap (Integrated action plan). Più in dettaglio le attività da mettere in atto sono: organizzazione e gestione di almeno 6 incontri annuali dell’Ulg; partecipazione ad almeno 5 incontri transazionali di partenariato, in presenza oppure on-line, relativi alla gestione del progetto, fornendo supporto linguistico (traduzione testi ed interpretariato in e di lingua inglese), assistenza per la predisposizione dei materiali, degli output e la comunicazione dei risultati; supporto all’organizzazione di un meeting transnazionale tra i partner di progetto che si terrà a Grosseto indicativamente nel novembre 2021, comprensivo di supporto linguistico, assistenza all’elaborazione e alla produzione e traduzione dei materiali necessari, degli output e la comunicazione dei risultati; supporto alla redazione di un Piano d’azione integrato (Iap) comprensivo dell’assistenza all’attuazione di microazioni sperimentali; attività di comunicazione rivolta sia ai componenti dell’Ulg, sia ai partner internazionali attraverso i canali cartacei e digitali (mail, posta ordinaria, piattaforma basecamp).

Per chiarimenti o informazioni gli interessati possono inviare una mail al seguente indirizzo di posta elettronica: annalisa.david@comune.grosseto.it – contatto telefonico: 0564488857.

Commenti