Fratelli d’Italia: «Sbagliato posticipare i saldi». Ma le vendite promozionali sono già consentite

GROSSETO – “Posticipare i saldi, facendoli partire dal prossimo 30 gennaio, come ha stabilito la Regione Toscana, è una decisione assurda che noi di Fratelli d’Italia non condividiamo e critichiamo per tantissimi buoni motivi”, questo è quanto afferma Fabrizio Rossi, coordinatore regionale Fratelli d’Italia Toscana.

“Da sempre – afferma Fabrizio Rossi – i saldi rappresentano non solo un momento importante ed essenziale per tutto il commercio, ma anche un’opportunità per fare acquisti a prezzi scontati da parte dei consumatori”.
“In questo periodo, – prosegue il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia – dove tantissime attività commerciali sono dovute restare chiuse per via dei vari Dpcm e ordinanze varie, poter effettuare i saldi da subito, può sicuramente rappresentare una vera e propria boccata d’ossigeno, così da avere liquidità immediata e denaro fresco”.

“Tramite il nostro capogruppo in consiglio regionale Francesco Torselli, – dice Rossi – abbiamo chiesto al Governatore Giani di rivedere l’ordinanza, così da far partire subito il periodo dei saldi invernali”.

“E’ assurdo, – conclude Fabrizio Rossi – che da una parte Giani e compagni lancino appelli a comprare prodotti del territorio, quando invece subito dopo adottano decisioni irrazionali, come quella di posticipare di 30 giorni la partenza dei saldi in Toscana, che vanno contro e soprattutto a discapito di commercianti, imprese toscane e cittadini. Occorre una forte inversione di marcia, se si vuole dare un vero e fattivo aiuto alle imprese toscane e italiane”.

“Anche i commercianti della Maremma reclamano i saldi invernali” dice Bruno Ceccherini, commissario provinciale Fratelli d’Italia Grosseto. “In un momento come quello attuale, penalizzare ancora le nostre imprese e il commercio al dettaglio in particolare, attuando il posticipo del periodo dei saldi a fine gennaio come ha fatto la Regione Toscana, è una scelta penalizzante per tutto il settore e per l’economia della nostra provincia” conclude Bruno Ceccherini.

La scelta di posticipare i saldi è stata fatta anche su richiesta di alcune associazioni di categoria che rappresentano i commercianti, tra cui Fismo, che aveva chiesto che l’inizio slittasse al 6 febbraio, e Confartigianato che aveva chiesto addirittura lo slittamento a marzo. Inoltre i commercianti potranno effettuare comunque sconti e promozioni già nei 30 giorni precedenti all’inizio dei saldi.

Commenti