La Sacra Effige della Madonna di Loreto alla 121esima Squadriglia Radar Remota di Poggio Ballone fotogallery

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – Per tutto il 2020 e, con la proroga a causa dell’emergenza Covid-19 da parte di Papa Francesco per il 2021, l’Aeronautica Militare sta celebrando il Centenario della proclamazione della Beata Vergine di Loreto quale “Patrona degli Aeronauti”, proclamazione avvenuta il 24 Marzo 1920 da parte di Papa Benedetto XV.

A testimonianza del profondo legame che unisce la Beata Vergine Lauretana agli uomini e alle donne dell’Aeronautica Militare, il “Giubileo Itinerante” sta interessando dunque tutte le Circoscrizioni dell’Aeronautica Militare e, dallo scorso 23 dicembre, la Sacra Effige della Madonna di Loreto è giunta al 4° Stormo, quale capoluogo della circoscrizione aeronautica del Sud della Toscana e dell’Umbria.

Nel contesto di questo percorso itinerante, la giornata del 5 gennaio è stata riservata all’accoglienza e venerazione della Statua presso la 121a Squadriglia Radar Remota di Poggio Ballone.

Per l’occasione Don Jarek Migus, in qualità di sostituto del Cappellano Militare, ha officiato la Santa Messa presso il Circolo Unificato del Reparto a favore del Comandante della 121a Squadriglia, Capitano Marco Barone, delle autorità civili e militari del Comune di Castiglione delle Pescaia, tra cui il Sindaco Giancarlo Farnetani, il Comandante il 4° Stormo, Colonnello Pilota Eros Zaniboni, e di una rappresentanza del Personale del Reparto.

Il 4° Stormo terrà in custodia la Sacra Effige fino al 17 Gennaio: durante le settimane di permanenza sarà custodita e venerata presso la Cappella Aeroportuale, ma ci saranno anche alcune occasioni di adorazione presso altre Diocesi e Cattedrali della Circoscrizione Aeronautica che ne hanno fatto richiesta.

Per il Centenario Lauretano, il personale della Forza Armata e i Soci delle Associazioni Arma Aeronautica nazionali sono impegnati nella raccolta benefica “Un Dono dal Cielo”, destinata agli Ospedali Pediatrici Gaslini di Genova, Bambin Gesù di Roma e Santobono Pausilipon di Napoli.

Commenti