Quantcast
Deposito nazionale

Deposito scorie nucleari e radioattive: uno dei siti individuati si trova in Maremma

GROSSETO – C’è anche un sito nel territorio del comune di Campagnatico tra le 67 aree idonee per ospitare il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi, rifiuti che oggi sono distribuiti in una ventina di depositi locali  all’estero.

La notizia è stata resa pubblica in queste ore: Campagnatico fa parte delle aree inserite nella Cnapi, Carta nazionale delle aree più idonee. A renderla pubblica la Sogin, la società pubblica di gestione del nucleare che ha ricevuto il nullaosta del Governo e nella notte tra il 4 e il 5 gennaio ha pubblicato sul sito web “Deposito Nazionale” la documentazione completa, il progetto e la carta con tutte le aree scelte.

Non solo perché per la Maremma il rischio nn è soltanto quello di Campagnatico, ma anche di Montalto di Castro, comune laziale a confine con Capalbio.

La carta assegna anche delle priorità in termini di idoneità. Dodici sono le zone “verde smeraldo” (quelle considerate più idonee di tutte) e sono:  Provincia di Torino: Rondissone-Mazze-Caluso; Carmagnola; Provincia di Alessandria: Alessandria-Castelletto Monferrato-Quargnento; Fubine-Quargnento; Alessandria-Oviglio; Bosco Marengo-Frugarolo; Bosco Marengo-Novi Ligure. L’area fra Alessandria-Castelletto-Quargnento e l’area Bosco Marengo-Novi sono le uniche di tutte le 67 aree individuate ad avere conseguito votazione piena con lode.Provincia di Viterbo: Montalto di Castro (due localizzazioni), Canino-Montalto di Castro, Corchiano-Vignanello, Corchiano.

Campagnatico rientra invece tra le zona ad alto interesse subito dopo quelle 12 verde smeraldo. In caso il colore scelto per identificarle è verde chiaro. Insieme a Campagnatico ci sono anche: Castelnuovo Bormida-Sezzadio (Alessandria), un’area a Siena (in val d’Orcia fra Pienza e Trequanda); la zona a cavallo tra le Murge e la provincia di Matera è molto coinvolta: un territorio in provincia di Bari (Gravina), due vaste aree tra Bari (Altamura) e Matera, una nella provincia di Matera e altre due zone ampie fra Matera e Taranto (Laterza).

Più informazioni
leggi anche
Luca Grisanti
Ambiente
Deposito nucleare a Campagnatico: insorge il centrodestra
Luca Grisanti
Il caso
Scorie nucleari in Maremma, i sindaci della Lega: «Uniti con Campagnatico in questa battaglia»
Settimio Bianciardi
Il caso
Scorie nucleari in Maremma, la rabbia di Capalbio: «Colpirebbe l’intero territorio»
Angelo Gentili
Il caso
Scorie nucleari in Maremma, Legambiente: «Incomprensibile inserire il sito di Campagnatico nella lista»
Francesco Limatola, Romina Sani e Giacomo Termine
Ambiente
Scorie nucleari a Campagnatico, il no del centrosinistra: «Non passeranno scelte sbagliate imposte con arroganza»
Mauro Ciani
La posizione dell'associazione
Scorie nucleari, Confartigianato: «Scegliere la Maremma per lo stoccaggio è una vera eresia»
Claudio Capecchi
Il caso
Scorie nucleari in Maremma, la Cia: «No allo stoccaggio a Campagnatico, battaglia per tutta la Toscana»
Guendalina Amati
Dal territorio
Scorie nucleari in Maremma, Amati: «Scelta scellerata a livello ambientale ed economico»
Antonfrancesco Vivarelli Colonna
Il caso
Scorie nucleari in Maremma, Vivarelli Colonna dice no: «La Provincia promuoverà ogni azione necessaria»
Municipio Campagnatico
Il caso
Scorie nucleari a Campagnatico, il vicesindaco chiude la porta: «E’ un no tassativo»
Elismo Pesucci
Ambiente
Scorie nucleari in Maremma, Pesucci: «Idea di incapaci, è pura follia»
Lega bandiera (2018)
Dal consiglio regionale
Lega: «Contro il deposito di scorie nucleari in Maremma presenteremo una mozione in Consiglio»
Manifestazione antifascista Anpi 8 settembre 2018 Psi Partito socialista
Ambiente
Scorie nucleari a Campagnatico, Psi: «Il sindaco cerchi il sostegno di tutti. Solo uniti si può vincere»
Jessica Ciaffarafà e  Riccardo Ciaffarafà
Santa fiora
Scorie nucleari in Maremma: dall’Amiata il “no” di Forza Italia
Enrico Calossi
Ambiente
Scorie nucleari in Maremma, la sinistra dice “no”: «Servono soluzioni condivise, si coinvolgano i cittadini»
Luca Grisanti
Il caso
Grisanti: «Con l’approvazione del piano strutturale diciamo no al deposito di scorie radioattive»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI