Quantcast

Fiabe e racconti per i piccoli pazienti dell’ospedale: la scuola di musica dona 27 libri alla Pediatria

Più informazioni su

GROSSETO – La lettura è sempre importante, leggere apre la mente e aiuta il senso critico. Per questo la Scuola di musica “Chelli” di Grosseto ha donato 27 libri alla Pediatria dell’Ospedale Misericordia.

I libri, consegnati questa mattina dalla professoressa Maria Grazia Bianchi, direttrice della scuola di musica, saranno sistemati in reparto e negli ambulatori pediatrici, a disposizione dei piccoli pazienti che in attesa della visita o durante la degenza potranno svagarsi dedicandosi alla lettura, come valida alternativa alla tv o all’uso dello smartphone. Si tratta di una serie di volumi di vario genere, tendenzialmente raccolte di fiabe e libri illustrati per i pazienti più piccoli, racconti invece per i più grandi.

“Un gesto generoso e davvero utile che sono sicura sarà molto apprezzato dai nostri pazienti – commenta la dottoressa Susanna Falorni, direttore Pediatria – La scelta di regalare dei libri è importante per stimolare i giovani al ritorno alla lettura. Trasmettere ai bambini la curiosità per i libri e abituarli a leggere fin da piccoli ha risvolti importanti per lo sviluppo cognitivo, l’abitudine alla lettura crea elementi positivi per potenziare la fantasia e l’immaginazione. Ringrazio la scuola di musica Chelli che già in passato ha dimostrato vicinanza ai bambini che ricorrono alle cure ospedaliere con la donazione di vari giochi e di una casina giocattolo dove magari adesso, i piccoli potranno leggere i libri appena regalati”.

“Fare questa donazione ci riempie di soddisfazione – dichiara Maria Grazia Bianchi –. Quanto offerto è il frutto della generosità e dell’altruismo di molte persone che, in occasione dei saggi e degli eventi musicali che fino allo scorso febbraio abbiamo realizzato in presenza, hanno deciso di devolvere una somma di denaro per contribuire al nostro progetto. E’ nostra abitudine legare le manifestazioni che organizziamo a scopi benefici: suonando, i nostri allievi hanno la possibilità di essere vicini ad altri bambini in difficoltà e meno fortunati; così facendo la musica assume un valore educativo e formativo oltre che didattico. Parte delle offerte è stata raccolta in occasione del concerto dei ‘Musicullanti’, realizzato nell’auditorium del nuovo ospedale, in collaborazione con la cooperativa Giocolare e con il patrocinio del comune di Grosseto e dedicato ai bambini fino a sei anni di età. Donando questi libri, abbiamo proseguito il progetto iniziato precedentemente, sperando di offrire ai piccoli degenti momenti di svago e di serenità”.

Più informazioni su

Commenti