Udc: «La sanità maremmana ha bisogno del Mes»

GROSSETO – “I fondi del Mes servono anche per la provincia di Grosseto che ha bisogno, alla luce dell’emergenza covid, di un rafforzamento della rete ospedaliera, che va riqualificata e potenziata nel capoluogo come negli ospedali periferici, e della medicina territoriale, con la realizzazione, per esempio, di una rete capillare di strutture poliambulatoriali”.

A scriverlo, in una nota, i due esponenti dell’Ud c provinciale Pierandrea Vanni e Gianluigi Ferrara.

“Non si può ignorare che – proseguono -, una volta messa sotto controllo l’emergenza Covid, ci sarà da recuperare cure e assistenza medica e ospedaliera, che hanno subito rallentamenti anche consistenti.

Ritenere che alle crescenti necessità della sanità italiana si possa far fronte attraverso un piano organico finanziato solo dal governo è una utopia, e chi dice che l’Italia non ha bisogno del Mes sanità a dir poco sbaglia.

Quanto alla riforma del Mes, pur con alcuni limiti, ha il merito di aver eliminato il contestato memorandum a suo tempo utilizzato per la Grecia. La ratifica da parte dell’opposizione moderata in Parlamento non significherebbe offrire improbabili stampelle al governo, ma agire in coerenza con l’impostazione del Partito Popolare Europeo – concludono -, del quale l’Udc è componente attiva e nel quale si riconosce coerentemente”.

Commenti