Non chiamatelo semplicemente “sughero”!

Più informazioni su

    Sughero

    Dalla quercia da sughero al tappo di una bottiglia: come nasce un tappo di sughero? È vero che il sughero è un materiale estremamente versatile? Quali sono i principali campi di utilizzo del sughero? Esiste il tappo perfetto?

    “Tutto comincia dalla foresta. La foresta è il primo reparto di un sugherificio. Svolgere con attenzione la raccolta del sughero, senza arrecare alcun danno alle piante, costituisce l’elemento essenziale per trasferire questa grande ricchezza alle generazioni future.” Queste sono alcune parole dette da Paolo Molinas, Responsabile Vendite di Sugherificio Molinas (www.molinas.it) una storica azienda situata a Calangianus, in Sardegna. Parole forti, sincere, vere che danno l’idea della grande realtà che è Sugherificio Molinas e del suo impegno nella salvaguardia del territorio e del suo sistema socio-economico.

    Dove nasce il sughero?

    Il sughero è un materiale di origine naturale estratto dalla corteccia delle piante. Lo strato di corteccia viene raccolto dal fusto principale della pianta del sughero Quercus Suber, la quercia da sughero. La raccolta può essere esclusivamente manuale, per via della varietà di forma e struttura delle diverse piante, e della necessità che i pezzi di corteccia restino integri durante l’operazione. Una volta raccolto il sughero attraversa diverse lavorazioni per essere selezionato, sterilizzato e reso adatto al suo utilizzo per la produzione di diverse tipologie di prodotti finiti.

    Le zone di produzione del sughero sono tutte localizzate nel mar Mediterraneo occidentale e, tra queste, la Sardegna è una delle principali. Ed è proprio qui, nel cuore della Gallura, che si trova il Sugherificio Molinas, a Calangianus. 8000 ettari di alberi da sughero, interamente di proprietà, per garantire un controllo totale su tutta la filiera di produzione, dalla pianta al prodotto finito.

    In quali campi si può utilizzare il sughero?

    Il sughero è una straordinaria materia prima dalla quale si possono ottenere i più svariati prodotti. Ne sono un esempio le tre principali linee di produzione di Sugherificio Molinas: la produzione di tappi in sughero per l’ambito enologico, la produzione di pannelli per l’edilizia e la produzione di sughero per calzature.

    In campo enologico esistono diverse tipologie di tappi: dai tappi in sughero naturale monopezzo, ai tappi in sughero agglomerato, a quelli in sughero tecnico. Sugherificio Molinas, grazie a una catena produttiva integrata e 100% di proprietà, è in grado di produrre tutte le principali tipologie di tappi in sughero naturale, recuperando gli scarti delle produzioni più pregiate per impiegarli in quelle più tecniche, come, per esempio, i tappi agglomerato.

    Ma qual è il tappo perfetto? Esiste un tappo che garantisca la conservazione perfetta di un vino?

    Anche qui la risposta la può dare Sugherificio Molinas. Punta di diamante della produzione dell’azienda, infatti, è la “Selezione Molinas”. Selezione Molinas è una linea di tappi monopezzo, 100% sughero naturale e, soprattutto, TCA Free. TCA Free significa che i tappi non hanno nessun tipo di difetto o deviazione, tant’è che Sugherificio Molinas garantisce e rimborsa eventuali problematiche ti questo tipo, certificando ogni lotto con un attestato di autenticità. Una selezione curata da un team di esperti che l’azienda chiama “I nasi”: un team creato e formato appositamente per ottenere questo risultato: la perfezione.

    Vuoi scoprire di più su questo straordinario mondo e su questa grande realtà, icona del Made in Italy e del saper fare del nostro paese? Visita il loro sito, o cercali su Facebook, Instagram e Linkedin.

    Più informazioni su

      Commenti