Un grossetano tra i semifinalisti del Premio Fabrizio De Andrè

Più informazioni su

GROSSETO – Il grossetano Damiano Zannetti, in arte Danomay, è uno dei 30 semifinalisti del Premio Fabrizio De Andrè.

Classe 1992, nato e cresciuto a Grosseto, si è trasferito per cinque anni a Roma, oggi abita a Milano. Damiano è attivo nell’ambiente hip hop dalla fine degli anni 2000.

Nel 2012 pubblica il suo primo EP, “Radioshine”, che ottiene riscontri molto positivi venendo segnalato anche da Ghemon e dal collettivo Blue Nox.

Negli anni successivi partecipa a numerosi progetti in tutta Italia, il che gli consente di aprire concerti di artisti come Bassi Maestro, Snoowgoons, Ghemon, Esa, Dutch Nazari, Johnny Marsiglia e di essere invitato ad eventi come il Festival della Lingua italiana al teatro dei rinnovati di Siena.

A partire dal 2018 inizia a pubblicare singoli con una una risonanza sempre più ampia. Partendo da “Nadal“, a “Cinema” (uscito per Esse Magazine, webzine dedicata alla musica urban), fino a “Mssc” (feat. Gobbeatz), pescata dalla playlist di Spotify “Graffiti Pop”.

Nel 2019 riceve la menzione speciale come “Autore” alla settima edizione del Premio internazionale Cet Scuola autori di Mogol. Attualmente sta scrivendo come autore per altri artisti e sta completando il suo primo album.

Sul Premio Fabrizio De Andrè

Il Premio Fabrizio De André, che è alla sua XIX edizione, quest’anno ha superato i 1.800 iscritti tra Musica, Pittura e Poesia. Una partecipazione che cresce di anno in anno. Dopo una lunga e attenta valutazione di tutte le proposte ricevute, la direttrice artistica Luisa Melis ha selezionato i 30 artisti che accedono alle semifinali, e che quindi parteciperanno alla seconda fase di selezione. Tra questi, il maremmano Danomay.

Patrocinato dalla Fondazione Fabrizio De André Onlus, supportato da Siae, organizzato da iCompany, con la direzione artistica di Luisa Melis, il Premio Fabrizio De André ha come scopo quello di stimolare (presso autori, compositori, interpreti ed esecutori esordienti di musica italiana) una creatività sperimentale, libera da tendenze legate alle mode del momento, al fine di favorire l’originalità e di ricercare e promuovere nuove forme di cantautorato contemporaneo.

La giuria del Premio Fabrizio De André, annunciata nei giorni scorsi, è composta da: Dori Ghezzi (presidente di giuria), Luisa Melis (direttrice artistica), Diletta Parlangeli, Enrico Schleifer, Fabrizio Finamore, Fausto Pellegrini, Federico Durante, Giulia Perna, Massimo Bonelli, Michele Moramarco, Piero Cademartori, Riccardo De Stefano, Roberto Sironi, Rossella Diaco, Silvia Boschero, Vincent Messina, Vincenzo Costantino Cinaski.

Più informazioni su

Commenti