Coronavirus, altri contributi alle associazioni sportive e alle imprese: i nuovi bandi

Più informazioni su

GAVORRANO – Continua la task force di fine 2020 del Comune di Gavorrano a favore del tessuto socio economico fortemente compromesso dalle misure restrittive conseguenti all’emergenza Coronavirus.

“Dopo il bando per il ristoro fino al 50% della Tari 2020 a favore delle attività produttive colpite da chiusura o riduzione di fatturato – scrive il sindaco Andrea Biondi – oltre le utenze domestiche con Isee minimo, per il quale si può fare ancora domanda fino al 3 dicembre, il Comune ha provveduto anche ad elargire contributi alle associazioni sportive del territorio tramite bando ad hoc, per sostenere la loro azione di resilienza, aumentando la dotazione finanziaria dai 13.000 euro del 2019 ai 18.000 euro previsti per il 2020”.

“Da oggi e fino al 14 dicembre – aggiunge il sindaco – è pubblicato un nuovo bando per la concessione di contributi a fondo perduto a favore delle nuove attività produttive. Con il presente bando l’Amministrazione Comunale intende agevolare l’insediamento e migliorare la qualità organizzativa ed operativa delle attività produttive presenti sul territorio comunale al fine di favorire il rilancio dell’occupazione e la nascita di nuove attività, nuove unità locali di imprese esistenti o allo sviluppo di attività in essere.  Possono accedere a tali i soggetti che nell’anno 2020 hanno avviato un’attività, o sono subentrati in una attività già avviata nel territorio del Comune di Gavorrano. Le risorse finanziarie destinate a tale operazione nel bilancio comunale sono pari a 20.000 euro”.

“Le agevolazioni – conclude – sono concesse nella forma di contributo una tantum a fondo perduto sulla base di una graduatoria, fino ad esaurimento dei fondi, tale contributo nella misura del 50% delle spese ritenute ammissibili sino alla concorrenza dell’importo massimo pari  2.000 euro, e le eventuali risorse residue saranno distribuite fra gli assegnatari in proporzione al punteggio ottenuto sempre nel limite delle spese ammissibili”.

Più informazioni su

Commenti