Tari ridotta del 30%, Coldiretti: «Non soddisfatti, ma apprezziamo lo sforzo»

GROSSETO – Tagli in bolletta nell’ultima rata di dicembre della Tari. L’Amministrazione comunale di Grosseto ha ridotto del 30% l’ultima rata del 2020 della tassa sui rifiuti per le attività economiche che hanno subito un calo del fatturato quest’anno.

“Apprendiamo con favore quanto deliberato ieri dal Comune di Grosseto, relativamente ad un intervento dell’Amministrazione che va verso la riduzione delle tasse e in particolare della Tari, la tassa sui rifiuti”, afferma il direttore della Coldiretti Pietro Greco.

“Qualche giorno – prosegue – fa avevamo chiesto al sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna un intervento che portasse ad una importante diminuzione della Tari a carico delle aziende agricole e soprattutto agrituristiche, che hanno subito la chiusura durante la primavera per il lockdown e che anche oggi non possono operare a pieno, viste le nuove restrizioni attualmente in vigore per la Toscana.

La riduzione del 30 % della Tari non ci soddisfa pienamente perché chiedevamo la riduzione del 60% dell’imposta a carico di tutti gli agriturismi, senza distinzione relativa alle distanze di posizionamento dei bidoni di raccolta rispetto alle aziende, ma apprezziamo comunque lo sforzo dell’Amministrazione.

Torneremo sull’argomento quanto prima per vedere se sarà possibile un ulteriore sforzo da parte dell’Amministrazione per il 2021, che si preannuncia comunque come un anno ancora difficile per le attività agrituristiche almeno per tutto il primo semestre dell’anno.

Auspichiamo inoltre che anche gli altri Comuni della provincia di Grosseto facciano tutto il possibile per non penalizzare ulteriormente il settore agrituristico, in una situazione economica di crisi – conclude Greco –. Siamo certi che in questa occasione come in altri momenti tutte le amministrazioni comunali saranno sensibili per quanto potranno a queste argomentazioni”.

Commenti