L’app “Copro da casa” si evolve: il Comune stanzia 50mila euro in coupon per gli utenti

Più informazioni su

PIOMBINO – Il Comune di Piombino e l’azienda Agesoft insieme per implementare l’app Compro da casa e sostenere il tessuto economico e commerciale del territorio in questo periodo di emergenza sanitaria.

Il lancio del nuovo aggiornamento della piattaforma è previsto a giorni con una importante novità: su Compro da casa gli utenti potranno usufruire di coupon di sconto messi a disposizione dal Comune da spendere nei negozi, bar, ristoranti e tutte le attività presenti sul territorio comunale iscritte all’app. Cinquemila buoni sconto per un totale di 50mila euro stanziati dall’amministrazione comunale.

“Compro da casa – spiega Sabrina Nigro, assessore alle Attività produttive – è già popolata da circa 200 aziende di Piombino: per questo abbiamo pensato di utilizzare questo strumento per dare un aiuto concreto sia alle attività che ai cittadini, visto anche l’avvicinarsi del periodo natalizio. È un modo per incentivare i piombinesi ad acquistare i regali, e non solo, direttamente dal divano di casa propria e di contribuire concretamente al sostegno del tessuto economico del territorio. Inoltre, per i negozi, quest’app può rappresentare un valido strumento anche in futuro, nel post covid, come approccio al mondo dello shopping online. Nei prossimi giorni, anche grazie alla collaborazione delle associazioni di categoria, cercheremo di raggiungere e coinvolgere tutte le attività di Piombino. Quindi, mi appello a tutti i commercianti della città, ai ristoratori e ai gestori di attività di somministrazione: iscrivetevi all’app, è gratuito, immediato e uno strumento semplice per affacciarvi a quel mondo virtuale che ormai è parte della quotidianità, soprattutto dei più giovani”.

Le attività commerciali e di somministrazione dovranno solamente iscriversi e caricare i propri prodotti sull’app, chi è già iscritto dovrà recuperare le proprie credenziali d’accesso, l’attivazione dei coupon sarà automatica.

“Questa iniziativa, se sfruttata al massimo – spiega Paolo Ferracci, assessore al Bilancio – sarà in grado di innescare un meccanismo, grazie alle dinamiche di utilizzo dei coupon, che mobiliterà un volume d’affari di almeno 250mila euro. È un progetto che chiude la serie di iniziative di sostegno al tessuto economico cittadino che ha impegnato il Comune per circa 2 milioni e mezzo. Certamente, se tutti i soggetti interessati sapranno sfruttare questa occasione, il progetto sarà un bolla d’ossigeno importante per tutte le attività, in particolare quelle che hanno dovuto osservare, e ancora lo stanno facendo, un periodo di chiusura obbligato dalla normativa anti contagio”.

Più informazioni su

Commenti