400mila euro per la manutenzione del viadotto Spadino: al via i lavori

GROSSETO – Manutenzione straordinaria per il viadotto Spadino che attraversa il fiume Ombrone per un investimento di 400mila euro. Prosegue così il piano di controllo e manutenzione dei ponti da parte della Provincia.

Il ponte in questione non presenta evidenti criticità strutturali, tuttavia è caratterizzato da forti infiltrazioni di acqua provenienti dall’impalcato che vanno a impregnare, in maniera pressoché diffusa, la struttura del manufatto. Tali infiltrazioni danno luogo a un continuo ammaloramento del cemento armato, per cui è necessario intervenire per evitare la progressiva perdita di resistenza della struttura.

“Si tratta di un intervento importante per la sicurezza – affermano il presidente della Provincia Antonfrancesco Vivarelli Colonna e il consigliere con delega alla viabilità, Marco Biagioni – che rientra nell’impegno dell’Amministrazione provinciale nel monitorare tutte le situazioni critiche. Un investimento importante che garantirà solidità alla struttura e che fa parte del piano di controlli e manutenzioni sui nostri ponti, iniziato ben prima della tragedia del ponte Morandi”.

Oltre ai tipici problemi dovuti ad una regimazione non corretta delle acque, si riscontrano altri tipi di criticità. In particolare si osservano distacchi dei paramenti murari di una spalla del ponte centrale ad arco, probabilmente dovuto a un difetto della muratura oppure all’azione di spinta della vegetazione infestante. Si possono osservare, inoltre, in svariati punti localizzati delle pile in cemento armato, tipici vespai, lacune e porosità dovuti a fenomeni di inglobamento di aria durante il confezionamento del conglomerato cementizio.

Gli interventi che verranno messi in atto consistono quindi nella impermeabilizzazione della pavimentazione stradale e nella realizzazione dei scarichi adeguati per l’allontanamento delle acque meteoriche evitando che vadano a impregnare la struttura. Verranno realizzati nuovi scarichi e verranno sistemate e ripristinate le parti in cemento armato ammalorate.

Il ripristino consisterà nello smontaggio locale della parte distaccata, nella rimozione della vegetazione infestante, e nella successiva ricostruzione del paramento mediante muratura degli stessi mattoni precedentemente rimossi e adeguatamente ripuliti.

Commenti