25 novembre, FdI: «La violenza contro le donne riguarda tutti, gli stereotipi di genere vanno abbattuti»

GROSSETO – “La violenza contro le donne, come quella di genere, riguarda ognuno di noi, e non può essere considerata solo come un fenomeno”.

A dirlo è Mara Ciarpi, responsabile dipartimento provinciale pari opportunità e famiglia di Fratelli d’Italia Grosseto.

“Tutti noi abbiamo il dovere – prosegue Ciarpi – di fare un grosso lavoro di cambiamento da un punto di vista culturale, abbattendo tutti quegli stereotipi di genere che hanno caratterizzato la nostra società fino ad oggi. Una società che è in continuo e costante cambiamento.

Occorre riscoprire valori come libertà, responsabilità, cura, rispetto, inclusione, uguaglianza, senso di appartenenza, e molti altri. Un lavoro che andrebbe attuato in tutti gli ambiti della nostra vita. Occorrono, oggi più che mai, servizi di sostegno e supporto alla donna e alla famiglia, che sempre più spesso si trova sola ad affrontare le tante situazioni della vita di tutti i giorni.

Occorre rafforzare, e soprattutto investire, in tutti quei servizi che già abbiamo. I consultori, ad esempio, potrebbero rappresentare davvero un punto fondamentale per lo sviluppo ed il sostegno di tutti i cittadini, uomini e soprattutto donne, che chiedono ascolto, sostegno, aiuto. Tanto è stato fatto sotto questi aspetti da un punto di vista normativo, ma tanto adesso occorre per far sì che quest’ultime vengano attuate nel migliore modo possibile.

Basti pensare che dalla legge sul femminicidio, la numero 93 del 2013, abbiamo dovuto attendere sino alla legge 69 dell’agosto 2019, che istituiva il codice rosso, per essere operativa e per far sì che questi casi venissero trattati con estrema urgenza.

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ha aggravato la violenza contro le donne, si parla di dati impressionanti – conclude -. Adesso è il momento di agire. La violenza è la ragione di chi ha torto”.

Commenti