Coronavirus, a scuola situazione sotto controllo. Il sindaco: «Il monitoraggio sarà continuo»

Più informazioni su

FOLLONICA – È tornata sotto controllo la situazione sanitaria delle scuole cittadine. In seguito alla chiusura delle scuole medie e la scuola elementare Don Milani, da domani tutte le classi, eccetto una classe delle elementari ancora in quarantena, riprenderanno la didattica in presenza.

Durante la  scorsa settimana il sindaco aveva provveduto alla sospensione delle lezioni in presenza, sostituendole con la didattica a distanza, per un gruppo di classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado.

«Questa settimana – dice Andrea Benini –  di concerto e in accordo con l’Asl e le dirigenti scolastiche dei due istituti follonichesi, grazie da un canale di comunicazione ormai particolarmente consolidato in questo periodo di emergenza sanitaria, abbiamo monitorato costantemente la situazione delle scuole in questione (quelle autorizzate dal governo ad effettuare le lezioni in presenza). Avevamo preso la decisione, per ragioni prudenziali, di fermare la didattica in presenza in quei plessi dove si erano verificate situazioni di reale criticità per garantire al massimo la sicurezza dei ragazzi e delle ragazze, per consentire di gestire tutti quei procedimenti conseguenti alle quarantene dei bambini e degli insegnanti; infine per realizzare un’ulteriore azione di igiene nei plessi interessati oltre alle misure già messe in atto già in via ordinaria dai due comprensivi scolastici».

I giorni di fermo sono stati funzionali per riottenere le condizioni per tornare ad una didattica in presenza ed è stata effettuata una speciale disinfezione dei locali scolastici a cura della Vab Follonica, alla quale vanno i ringraziamenti dell’amministrazione per la collaborazione sempre pronta e proficua.

«Naturalmente – aggiunge il sindaco – il monitoraggio resterà costante su  tutte le scuole follonichesi, e di giorno in giorno valuteremo il da farsi in modo capillare e chirurgico, per la sicurezza dei bambini e la tranquillità di tutti».

Più informazioni su

Commenti