La Lega: «La burocrazia rallenta il lavoro, ma non lo ferma. Grosseto sta cambiando volto»

Più informazioni su

GROSSETO – “L’amministrazione si scontra troppo spesso con la burocrazia, ma il lavoro e la determinazione porta ai risultati”.

Così il gruppo consiliare della Lega di Grosseto, con il capogruppo Andrea Ulmi ed i consiglieri Claudio Pacella, Mario Lolini, Alfiero Pieraccini, Paolo Serra, Pierfrancesco Angelini, Pasquale Virciglio ed Andrea Pieroni commentano la conclusione di una serie di iter burocratici che potranno cambiare il volto ad alcuni angoli della città.

“Dopo il passaggio dell’area dell’ex Diversivo al patrimonio del Comune – affermano i consiglieri del Carroccio- nelle ultime ore sono stati raggiunti altri risultati che noi consideriamo fondamentali e che erano nel programma di governo della città. Dalla firma del contratto per i lavori all’Ex Garibaldi, che dopo anni di abbandono diventerà un centro di cultura, all’assegnazione della Sala Eden, del chiosco del Cinghialino e dalla risistemazione del bastione della Cavallerizza che rivitalizzeranno le Mura Medicee che in questi anni sono state illuminate e, riportandole ad una frequentazione dei cittadini, potranno essere sottratte alle attività criminose, A questi si sommano i lavori che sono già stati effettuati o che sono in fase di conclusione, come le piste ciclabili, la biblioteca Chelliana, lo spazio per la collezione Luzzetti, il Giardino dell’Archeologia. Una serie di interventi fondamentali a cambiare il volto delle zone degradate della città che ha un filo conduttore nell’assessore Riccardo Megale nella sua qualità di titolare dei lavori pubblici e del patrimonio. Un plauso esteso agli uffici che lo hanno seguito nel raggiungimento dei risultati”.

Un lavoro straordinario che si è svolto senza dimenticare le richieste che via via sono state presentate. “Pensiamo alle attività che in questi giorni coinvolgono molte scuole del capoluogo e delle frazioni – ricordano i consiglieri della Lega- dove i genitori avevano lamentato la necessità di rimettere mano ai giardini che si allagano o che, con la pioggia, sono stati preda del fango e che ha visto l’amministrazione intervenire con camion di breccia per dare un’immediata risposta”. La conclusione riguarda l’azione amministrativa.

“Come gruppo – affermano i consiglieri- abbiamo sempre svolto un ruolo di impulso anche sui nostri assessori Riccardo Megale e Giacomo Cerboni che, l’uno in fase di investimento, l’altro di reperimento di risorse, hanno saputo dare una spinta nel raggiungimento di questi obiettivi che noi consideriamo fondamentali per dimostrare un cambio di passo rispetto al passato”.

Più informazioni su

Commenti