A 10 anni dalla tutela Unesco la dieta mediterranea protagonista al mercato Campagna Amica

GROSSETO – Fondata principalmente su pane, frutta, verdura, carne, olio extravergine d’oliva e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari, la dieta mediterranea ha consentito di conquistare valori record nella longevità. Oggi ricorre l’anniversario dei 10 anni dalla proclamazione della dieta mediterranea nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità da parte dell’Unesco avvenuta proprio a metà novembre del 2010.

Secondo quanto riportato nella decisione del Comitato di valutazione la dieta mediterranea è infatti molto di più che il solo cibo ma un insieme di competenze, conoscenze, pratiche e tradizioni che vanno dal paesaggio alla tavola che promuove l’interazione sociale, che è profondamente cambiata nel tempo del Covid.

Oggi al mercato di Campagna Amica di Grosseto in via Roccastrada 2, alla presenza del responsabile provinciale di Campagna Amica Grosseto, Andrea Masini, che ha ricordato che i mercati di Campagna Amica vendendo solo prodotti alimentari sono regolarmente aperti con tutte le dovute cautele e tutti i dispositivi anti Covid, sono state distribuite ai clienti le ricette tipiche della dieta mediterranea e della nostra tradizione locale come il tortino di zucchine e mozzarella, l’acquacotta, la pappa al pomodoro, i crostini di fegatini, il castagnaccio e la torta di castagne.

“In un momento di grande difficoltà come questo dobbiamo salvaguardare le nostre aziende agricole e agrituristiche- afferma Pietro Greco, direttore di Coldiretti Grosseto – per questo, in vista del Natale, oltre a consigliare di fare acquisti nei mercati dei nostri produttori agricoli abbiamo pensato di proporre come regalo delle feste “il pranzo contadino” che un cliente può regalare sia per un pranzo all’interno di un agriturismo da utilizzare nei prossimi mesi sia per una consegna a domicilio”.

Il regalo potrà essere donato dai clienti dell’agriturismo stesso a parenti e amici, può essere acquistato da aziende per un regalo ai propri dipendenti, oppure può essere inserito nelle strenne natalizie insieme ai prodotti dei nostri mercati o anche essere acquistato da chi, magari, vuole donare un pranzo caldo a persone bisognose o sole. Un ulteriore possibilità è quello di acquistare “regala una esperienza”: un buono regalo che possa comprendere, appena sarà finita l’emergenza sanitaria in corso, a scelta dell’azienda stessa e in base alle proprie peculiarità: pernotto, colazione, attività didattica, giro a cavallo, masterclass di cucina, degustazione guidata olio/vino, trattamento benessere etc.

“Per permettere a tutti di fruire dei prodotti genuini dei nostri agricoltori, anche a chi non può uscire di casa per venire a fare la spesa al mercato – conclude Fabrizio Filippi, il neo delegato confederale di Coldiretti Grosseto -, molti produttori e agriturismi di Campagna Amica, in Maremma e in tutta la Toscana, fanno anche consegne a domicilio per non far mancare cibi di qualità sulle tavole dei maremmani.

Commenti