Il metano arriva nelle frazioni, il sindaco: «Obiettivo di legislatura raggiunto»

MASSA MARITTIMA – Sono in fase di completamento i lavori di conversione della rete da Gpl a metano nelle due frazioni del Comune di Massa Marittima. Dall’11 novembre a Niccioleta e dal 16 novembre a Prata, grazie alla posa di oltre 14 km di nuove condotte, circa 260 famiglie potranno beneficiare di una fonte energetica sicura, economica e sostenibile come il metano. Un servizio la cui continuità è garantita grazie al collegamento diretto con la rete nazionale e regionale di trasporto del gas.

Gli interventi di scavo hanno interessato anche alcune strade provinciali che Toscana Energia ha provveduto a ripristinare immediatamente mentre l’asfaltatura definitiva di tutta la sede stradale sarà realizzata con la buona stagione nella prossima primavera, sempre a cura di Toscana Energia.

Il progetto comprende anche l’installazione da parte della Società di misuratori digitali di nuova generazione, in grado di consentire, tra l’altro, anche la lettura a distanza dei consumi in modo da rendere le bollette sempre più aderenti ai consumi realmente sostenuti. Al fine di garantire il massimo livello di sicurezza, la rete a servizio delle due frazioni sarà sottoposta a monitoraggio continuo attraverso l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia, come Picarro Surveyor, grazie alla quale con tempestività e precisione è possibile individuare eventuali dispersioni.

“Portare il metano nelle frazioni era un obiettivo di legislatura che abbiamo raggiunto – commenta soddisfatto il sindaco di Massa Marittima Marcello Giuntini -, una scelta per essere più vicini ai cittadini e ai loro bisogni. Con il metano avremo una fonte di energia che farà risparmiare le famiglie e più pulita rispetto al Gpl”.

“Stiamo lavorando con Toscana Energia, che ringrazio per il lavoro svolto – aggiunge –, per ridurre al minimo i disagi dei cittadini e accelerare il passaggio tra metano e Gpl, e su questo ci sta lavorando il consigliere Ivan Terrosi insieme ai volontari del servizio civile”.

“Sempre nell’ottica della riduzione dei disagi – conclude il primo cittadini- ho disposto la chiusura delle scuole elementari a Prata per martedì 17 novembre quando sarà necessario chiudere l’erogazione del gas per il passaggio tra le due fonti di energia”.

L’attuale situazione di emergenza Covid non consente purtroppo di realizzare il tradizionale evento inaugurale che, con l’accensione della fiaccola, simboleggia l’arrivo del metano alla presenza di cittadini, Amministrazione Comunale e vertici di Toscana Energia.

Commenti