Nel 2019 a Grosseto 834 incidenti con 14 morti e 1.195 feriti: Aci lancia la campagna “This is my street”

Più informazioni su

GROSSETO – A Grosseto, a conclusione della Decade of action 2011- 2020, l’Aci lancia “This is my street”, la Campagna nazionale per la sicurezza stradale in collaborazione con la Fia (Federazione internazionale de l’automobile).

In linea con quanto affermato nella “3rd Global ministerial conference on road safety”, la campagna dell’Automobile club d’Italia è finalizzata ad incrementare la cultura della sicurezza nei più giovani per una mobilità sicura e sostenibile. A livello nazionale e mondiale, infatti, i giovani risultano i più coinvolti negli incidenti stradali. Oggi è fondamentale, quindi, creare i presupposti per far sì che i futuri utenti della strada siano in grado di adottare comportamenti più sicuri e consapevoli per la tutela della propria salute e di quella altrui.

Quattro gli obiettivi principali della campagna:
diffondere la conoscenza delle principali norme del Codice della strada tra pedoni, ciclisti, passeggeri di moto, scooter e auto;
aumentare la conoscenza dei fattori di rischio degli incidenti stradali: importanza del fattore umano e pericolosità del traffico cittadino;
migliorare la consapevolezza del fatto che il rispetto delle norme contribuisce, in modo determinante, a proteggere la propria e le altrui vite/salute;
illustrare l’importanza e il corretto utilizzo dei dispositivi di sicurezza (casco, cinture, ecc.).

I partecipanti a “This is my street” esporranno cartelli dove sono riportate alcune frasi sulla sicurezza stradale, indirizzate alle Istituzioni ed alla collettività, per promuovere l’adozione di efficaci azioni d’intervento.

“Rispettiamo gli attraversamenti pedonali”, “Questa è la nostra strada rispettiamola”; “Aiutaci a mantenere la strada sicura” “Non più vittime sulla strada”, sono alcuni dei messaggi della campagna.

A Grosseto gli ultimi dati sugli incidenti stradali elaborati da Aci e Istat, riportano nel 2019 834 incidenti con 14 morti e 1195 feriti. Se prendiamo in considerazione la fascia di età 5-26 anni un morto e 908 feriti. Tra i conducenti un morto e 170 feriti, tra i passeggeri e i pedoni
rispettivamente 0; 123 e 0; 15.

“Siamo preoccupati per i giovani e le categorie vulnerabili – dichiara Alberto Paolini, presidente dell’Automobile Club di Grosseto – bisogna intervenire subito per contribuire ad arginare il grave fenomeno dell’incidentalità stradale”.

“L’auto – continua Paolini – rimane il principale mezzo di trasporto, ma aumenta il numero di chi, per muoversi in città, sceglie forme di mobilità dolce o micro mobilità elettrica. Anche per questo, ci deve essere, da parte di tutti – pedoni inclusi – il massimo rispetto delle regole, indipendentemente dal mezzo utilizzato, compresi biciclette elettriche e monopattini. Ma è, soprattutto, necessario prevedere la realizzazione di adeguate infrastrutture e percorsi dedicati”.

“Per quanto riguarda i giovani conducenti – ha concluso il Presidente dell’Automobile Club di Grosseto auspichiamo il consolidamento dell’esperienza di guida anche attraverso la partecipazione a corsi specifici di perfezionamento da seguire dopo aver ottenuto la patente di guida. Corsi la cui efficacia è dimostrata da tempo in quei Paesi nei quali sono obbligatori (Austria e Svizzera), e come sperimentato da anni nei Centri di guida sicura ACISara di Vallelunga e Lainate”.

Più informazioni su

Commenti