Coronavirus: riduzione Tari fino al 50% per le imprese e del 30% per le famiglie in difficoltà

Più informazioni su

GAVORRANO – Tenuto conto del protrarsi della situazione emergenziale e delle difficoltà economiche che ne conseguono, l’Amministrazione in sede di assestamento di bilancio ha deciso di prevedere la disposizione di un ristoro Tari per l’anno 2020, da effettuarsi su istanza di parte, con apposito bando, a sostegno sia delle utenze domestiche sia di quelle non domestiche.

“L’obiettivo – spiega il sindaco Andrea Biondi – è venire incontro ai disagi causati dall’emergenza sanitaria all’economia del territorio, con particolare attenzione alle attività economiche che hanno prodotto sicuramente minori rifiuti dovuti alla sospensione o al calo del fatturato, e che stanno certamente vivendo una prova di resistenza che merita supporto da parte dell’Amministrazione comunale, riuscita quasi miracolosamente a portare alla discussione del recente Consiglio comunale il provvedimento citato”.

Per l’individuazione delle attività produttive si è considerato l’elenco delle attività individuate da Arera sottoposte a sospensione parziale o completa, e delle attività identificabili da codice Ateco risultanti aperte anche durante il lockdown ma con evidente calo della domanda.

Per le attività produttive si è previsto una riduzione del 50% da applicare sul corrispettivo Tari 2020 per tutte le attività sottoposte a chiusura durante il periodo di lockdown e per tutte quelle attività che dichiarino di avere sospeso temporaneamente, anche su base volontaria, per un periodo minimo di 60 giorni e una riduzione del 30% per tutte le attività che non sono state sottoposte a chiusura ma che hanno subito una ridimensionamento del fatturato a causa della minore mobilità e circolazione delle persone, ovvero quelle attività come farmacie, autorimesse, edicole e cartolerie, distributori di carburanti, ovvero i codici Ateco che hanno potuto rimanere aperti ma senza clienti, ad eccezioni dei dettaglianti del settore alimentare, che in realtà hanno registrato un incremento generale dei fatturati nel nostro territorio.

Per le utenze domestiche si è previsto un ristoro del 30% per le famiglie che versino in condizioni di disagio economico sociale e in possesso di Isee minimo, non superiore a 8.265,00.

Le informazioni circa la pubblicazione del bando e della compilazione on line della domanda saranno pubblicate sul sito del Comune di Gavorrano e sulla pagina Facebook del Comune.

Più informazioni su

Commenti