UilTucs: «Unicoop vuole ridurre i diritti dei lavoratori»

GROSSETO – «Unicoop Tirreno dice di essere in salute, ma sta cercando di vendere negozi in Toscana e nel Lazio e ha già ceduto tutti i negozi della Campania, e sta tentando di peggiorare notevolmente i diritti dei lavoratori facendo pagare a loro, anziché ai dirigenti, questa crisi» a parlare è il segretario generale della UilTucs Toscana Marco Conficconi. In questi giorni è in corso la trattativa per il rinnovo del contratto integrativo dei lavoratori.

«Unicoop Tirreno intende ridurre i diritti iniziando dall’aumento dell’orario di lavoro a parità di stipendio. In sintesi: lavorare un’ora in più al giorno con lo stesso salario. In secondo luogo, la cooperativa vuole levare ai lavoratori il diritto alla pausa retribuita. E ancora: le domeniche di apertura aumenteranno e la partecipazione dei lavoratori potrebbe assumere una sua obbligatorietà, ma la maggiorazione domenicale attuale non sarà più quella di adesso. Come se non bastasse Unicoop Tirreno intende non erogare più il premio aziendale. I lavoratori perderanno 2 mila euro annui» conclude il sindacato.

Commenti