Potere al popolo scende in piazza: «Governo inadeguato, a pagare sono sempre i più deboli»

GROSSETO – “Durante la prima ondata paura e incertezza hanno fatto in modo che si rispondesse con ordine e disciplina alle misure imposte dal governo, nonostante fossero evidentemente insufficienti. Adesso che ci troviamo nel bel mezzo della seconda ondata nessuno è più disposto ad accettare protocolli, ordinanze e dpcm che tutto fanno fuorché centrare il problema”.

A scriverlo, in una nota, Potere al popolo Grosseto.

“Dal palazzo hanno deciso di scagliarsi contro movida e tempo libero – proseguono da Potere al popolo -, scaricando la responsabilità esclusivamente sui singoli individui, ma sappiamo bene come la questione sia molto più complessa. L’unica certezza è che a pagare il conto sono sempre i ceti popolari, sacrificati sull’altare del profitto a tutti i costi.

In otto mesi il Governo non ha fatto altro che guardarsi allo specchio, dimostrando totale impreparazione e inadeguatezza. Sebbene il ritorno della pandemia fosse fortemente pronosticabile, non sono stati fatti investimenti per l’adeguamento delle strutture scolastiche e dei trasporti.
La sanità pubblica poi, invece che essere implementata, ha continuato ad essere smantellata.

Oggi una classe politica indecente, totalmente succube e servile rispetto agli interessi di Confindustria, vuol fare pagare i costi della crisi ai lavoratori, alle lavoratrici, agli studenti, alle partite Iva ed ai piccoli commercianti.

Sosteniamo che a tutto questo si possa rispondere soltanto con l’organizzazione e la lotta. Non vogliamo morire né di covid né di fame.

Adesso dobbiamo pretendere cose ben precise:
una sanità pubblica che non contempli pazienti di serie A e di serie B;
il potenziamento dei trasporti e dell’edilizia scolastica,;
il blocco di sfratti, affitti e utenze;
la requisizione dello sfitto;
il blocco dei licenziamenti;
un reddito garantito per tutti;
una patrimoniale e il prelievo forzoso a chi continua ad arricchirsi nonostante la crisi.

Potere al popolo Grosseto – concludono – risponde all’appello di Usb Grosseto e aderisce alla manifestazione ‘Sanità pubblica e reddito per tutte e tutti di sabato pomeriggio in piazza Dante alle ore 16:30”.

Commenti