Turismo, Cinigiano entra nel progetto Terre Etrusche Slow

Più informazioni su

CINIGIANO – La giunta comunale di Cinigiano, per sostenere la ripresa dell’economia locale con particolare attenzione al settore turismo nel medio e lungo termine, ha stabilito di partecipare all’accordo di sviluppo turistico denominato “Rete T.E.S. – Terre Etrusche Slow”, dotandosi di uno studio di fattibilità tecnico ed economico che potrà essere impiegato, oltre che nel procedimento indicato, come programma strategico di sviluppo dell’ente.

La decisione è in linea con quanto approvato in consiglio comunale sulle misure pensate per la ripartenza nel piano “Cinigiano Interviene”.   L’amministrazione ha così approvato il progetto “Cinigiano per un turismo colto e lento” per un importo complessivo di € 6.985.000 che comprende.

La valorizzazione della rete ciclopedonale in tutto il territorio comunale, la ristrutturazione della foresteria Cinigiano come residenza artistica b&b, la ristrutturazione del Borgo Santa Petronilla a Borgo Santa Rita (immobili ex demanio), la riqualificazione del Parco Bellacosta a Sasso d’Ombrone ripensato come Parco della bicicletta, la creazione di un Museo della cartapesta che, se finanziato, nascerà dalla demolizione e ricostruzione di un capannone comunale; e poi, infine, la ristrutturazione di alcuni locali di Palazzo Bruchi a Cinigiano da utilizzare come infopoint e reception b&b e la riqualificazione dell’ex scuola De Rham e del Parco pubblico “Il Chiusino”.

Questo progetto parteciperà intanto ad un bando ministeriale, grazie all’adesione all’accordo di sviluppo turistico sopra citato. La presentazione del progetto si terrà nelle prossime sedute consiliari.

Più informazioni su

Commenti