Novità all’ufficio anagrafe, la Lega esulta: «Passo decisivo verso la semplificazione»

Più informazioni su

GROSSETO – “Un nuovo e decisivo passo verso la semplificazione”. Così il gruppo Lega nel Consiglio Comunale di Grosseto con il capogruppo Andrea Ulmi, il presidente dell’assemblea Claudio Pacella e i consiglieri Mario Lolini, Alfiero Pieraccini, Paolo Serra, Pierfrancesco Angelini, Pasquale Virciglio e Andrea Pieroni, plaude all’annunciata possibilità da parte dell’Ufficio Anagrafe di Grosseto di rilasciare, utilizzando l’app ‘Municipium’, certificati ed effettuare il cambio di residenza attraverso il sistema Spid, dunque utilizzando semplicemente il tablet o lo smartphone, evitando code negli uffici ed ottimizzando il lavoro del personale.

“In questi anni di amministrazione Vivarelli Colonna – affermano i consiglieri del gruppo Lega- sotto la regia dell’assessore ai servizi demografici, innovazione e informatizzazione Giacomo Cerboni il Comune di Grosseto ha fatto enormi passi in avanti nell’ambito della digitalizzazione, della semplificazione e della sburocratizzazione. Chi ha avuto la necessità di ottenere un certificato nel passato, o di effettuare il cambio di residenza, sa quanto tempo impiegare tra gli uffici e i corridoi del palazzo. Adesso tutto diventa semplice. Anche il fatto di non aver bisogno di una smart card semplifica la vita all’utente, visto che non deve possedere un apposito lettore, ma deve semplicemente agire attraverso Spid, che è uno dei sistemi più utilizzati del momento cui può registrarsi senza alcuna difficoltà. Questo senza impedire la possibilità per chi non avesse dimestichezza con le tecnologie di continuare a rivolgersi allo sportello”.

Un passaggio quello della semplificazione che è da sempre un obiettivo della Lega. “Sosteniamo a tutti i livelli la necessità di semplificare la vita ai cittadini ed alle aziende  – affermano Ulmi, Pacella, Lolini, Pieraccini, Serra, Angelini, Virciglio e Pieroni- Spesso abbiamo visto che questa esigenza si scontra con il muro di gomma di quella burocrazia che, in questo modo, alimenta se stessa. Nel Comune di Grosseto si è invece agito in controtendenza e questo è sicuramente un merito dell’amministrazione e dell’assessore Giacomo Cerboni che ha guidato gli uffici in questo passaggio delicato, ma necessario”. Il tema di una burocrazia più leggera è stato uno di quelli su cui ha fatto leva il capogruppo Andrea Ulmi.

“Da professionista – conclude Ulmi- mi trovo quotidianamente a fare i conti con l’eccessiva burocrazia e so quanto questa freni la vita delle aziende e dei cittadini. Per questo è stato uno dei punti cardine della mia campagna per le regionali e sostengo la necessità che tutte le amministrazioni perseguano la strada verso la semplificazione intrapresa dal Comune di Grosseto in questa consiliatura”.

Più informazioni su

Commenti