Verso la sfida col Forte dei Marmi, Circolo Pattinatori al lavoro. D’Anna: «Sarà una partita dura»

GROSSETO – Il Circolo Pattinatori Grosseto Edilfox sta completando la preparazione in vista della supersfida di sabato prossimo alle 20,45 in via Mercurio contro il Forte dei Marmi, che i biancorossi di Federico Paghi affronteranno con un inatteso ruolo di capoclassifica. I versiliesi campioni d’Italia già durante il precampionato hanno potuto saggiare le qualità del quintetto grossetano, ma stavolta ci saranno i tre punti, che daranno grandi stimoli a entrambe le formazioni
Per il viareggino Romeo D’Anna (autore delle due splendide reti che hanno permesso al Grosseto di ribaltare l’1-0 iniziale nella trasferta di Monza) il duello di sabato sera ha un sapore particolare e non ha difficoltà ad ammetterlo: «La gara con il Forte dei Marmi è un derby che sento particolarmente, ne ho giocati tanti, ma hanno sempre lo stesso fascino. Cercherò di dare il mio contributo e mi aspetto che la nostra squadra ci sia, perché è una partita importante, soprattutto per mantenere l’imbattibilità in casa e per continuare nel campionato che stiamo facendo. Ripeto, dovremo essere perfetti in tutti i settori perché puntano al titolo e non faranno sconti».

Il fatto di affrontare il team guidato da Alberto Orlandi, che ha vinto il posticipo di mercoledì contro il Trissino per 5-3, con sei punti in classifica non spaventa D’Anna: «Abbiamo lavorato bene durante il periodo di preparazione. – sottolinea Romeo- Io sapevo che venendo qua a Grosseto avrei trovato una squadra competitiva, che avrebbe potuto dare del filo da torcere a chiunque. Il fatto di trovarsi con due vittorie è sicuramente uno stimolo a fare meglio».
«Il Forte, che abbiamo già affrontato durante la preparazione – prosegue D’Anna – è una squadra punta al titolo; ha individualità importanti, a partire dal portiere Gnata, proseguendo con Ambrosio, Casas, Burgaya, Rubio. Ha insomma giocatori che possono cambiare il corso della partita in un momento. Dovremo stare molto attenti, cercare di sbagliare veramente poco ed essere perfetti in difesa. E ovviamente fare il nostro gioco in attacco. Sarà una partita dura e spero comunque di continuare a giocare come stiamo giocando e a credere in quello che facciamo».

D’Anna, che festeggerà 28 anni il prossimo 31 ottobre, traccia anche un bilancio sui primi due mesi in Maremma: «Ho trovato un ambiente sereno, tranquillo. Penso che stiamo creando un ottimo rapporto sia in squadra, con la società, con l’allenatore. Devo essere sincero, mi trovo veramente bene. La squadra poi mi piace tanto: conoscevo quasi tutti i suoi componenti. Giocando insieme, però, ho scoperto che sono dei ragazzi in gamba, che si impegnano negli allenamenti e veramente piacevole giocare con loro».

Test fisici particolari in casa del Circolo Pattinatori Grosseto Edilfox, che alla fine della fase di preparazione pre-campionato e dopo le prime due giornate della stagione, ha effettuato, sulla pista di Via Mercurio, una serie di esercizi finalizzati alla valutazione delle capacità condizionali e dello stato di salute dei ragazzi. Per lo svolgimento dei test il preparatore fisico Lorenzo Massai e il mister Federico Paghi si sono avvalsi dell’aiuto di Lorenzo Sabatelli, laureando in Scienze Motorie all’Università degli studi di Firenze, ex giocatore di hockey su pista ed allenatore I livello Fisr, con esperienze nel settore giovanile e in serie B con il Siena Hockey.

Circolo Pattinatori test

«Questa collaborazione è nata in maniera fortuita – spiega Massai – Ho incontrato Sabatelli mentre stava svolgendo dei test alla nostra under 13 per la sua tesi di laurea. Vedendo l’attrezzatura utilizzata (messa a disposizione dall’Università di Firenze) ho colto la palla al balzo coinvolgerlo nei test valutazionali della squadra di A1. Lorenzo si è reso subito disponibile e si è creata questa sinergia che ha portato entrambe le parti a trarne dei vantaggi: noi abbiamo avuto dei dati più oggettivi e realistici e lui ha avuto la possibilità di inserire in tesi i parametri di una squadra di serie A1 composta da atleti di interesse nazionale».

L’attrezzatura di cui si parla è all’avanguardia in campo internazionale, strumenti di valutazione attraverso fotocellule ed accelerometri estremamente precisi e dal grande valore, come quelli utilizzati ad esempio dalla squadra di hockey del Barcellona. La tesi di Sabatelli ha lo scopo di valutare, tramite la raccolta dei dati derivanti dai test fisici generali e specifici, quali siano i parametri essenziali per emergere in questo sport attraverso la comparazione delle squadre giovanili under 13 dell’area Tosco-Ligure e, appunto, in relazione ai parametri dei ragazzi di A1 del CP Grosseto 1951.
«Siamo soddisfatti per questa nuova sinergia – continua Massai – che verrà ripetuta nel corso dell’anno per monitorare costantemente la prima squadra, ma anche nel caso specifico la under 13. Possibilità di questo tipo rappresentano un percorso di crescita importante per il movimento hockeistico e per far capire l’importanza di investire sulla preparazione fisica all’interno delle società sportive».

Commenti