Riserva naturale di Poggio all’Olmo: la gestione del centro visite alla cooperativa Biofan

CINIGIANO – Il Comune di Cinigiano ha deciso di affidare la gestione del Centro visite della Riserva naturale di Poggio all’Olmo, nella frazione di Monticello Amiata, alla “Biofan”, cooperativa di comunità presente sul territorio dal 2016.

La cooperativa di comunità è un modello di sviluppo sostenibile dove i cittadini sono produttori e fruitori di beni e servizi, un modello che crea sinergia e coesione sociale, mettendo a sistema le attività di singoli cittadini, imprese, associazioni e istituzioni e rispondendo così alle diverse esigenze di tutela e assistenza.

«Per l’Amministrazione comunale – commenta Romina Sani, sindaco di Cinigiano – la cooperativa di comunità può essere un valido strumento per rilanciare la vitalità dei nostri luoghi e anche per creare nuove opportunità lavorative. La “Biofan” – aggiunge – è una realtà rappresentativa del territorio che può mettere in campo una capacità progettuale strategica nella gestione del Centro visite e nel suo utilizzo, pensato non solo per fini culturali e di promozione turistica, ma anche sociali e di utilità collettiva».

Recentemente “Biofan” ha allargato la sua compagine sociale: è stato rinnovato il Cda di cui fanno parte alcune associazioni locali, a conferma della identità di cooperativa sul territorio e per il territorio, ed è stata eletta la nuova presidente Elena Basile. Per Basile: «Gestire il Centro visite della Riserva in questo momento storico vuol dire cogliere una grande opportunità: offrire ai visitatori la possibilità di vivere il “turismo dolce”, camminare all’aria aperta in un luogo naturale che si è meravigliosamente conservato e, nel far questo, assolvere a compiti importanti per la comunità: rivitalizzare l’economia del paese, coinvolgere i giovani nel lavoro, valorizzare ambiente e prodotti locali, promuovere l’integrazione sociale».

La Riserva naturale provinciale di Poggio all’Olmo si estende attorno ai rilievi di Poggio all’Olmo (1.080m), Poggio Materaio (939m) e Poggio la Torretta (854m), a sud dell’abitato di Monticello Amiata. La Riserva si contraddistingue per la presenza di castagneti da frutto e per la presenza di una variegata fauna selvatica, con quattro sentieri che la attraversano: il Sentiero dei “Patriarchi” con i bellissimi castagni secolari, il Sentiero delle acque, il Sentiero dell’Aquilaia e il Sentiero Campo ai Peri.

Nell’area di Monticello Amiata sono presenti altri percorsi naturalistici tra cui la Via della Castagna e la Via delle fonti.

In questo contesto la cooperativa con la gestione del Centro visite dovrà garantire diversi servizi: quelli di front office e info point per l’informazione di base, l’accoglienza, la promozione turistica, la valorizzazione dei prodotti tipici e del territorio, ma anche come sportello comunale per servizi in ambito sociale e scolastico; la prenotazione-booking nelle strutture ricettive, per servizi turistici, raccolta prenotazioni, iscrizioni e verifica disponibilità per iniziative e manifestazioni promosse a livello comunale e provinciale; i servizi di back office per la redazione con la gestione dei dati sul turismo nel Comune di Cinigiano, l’aggiornamento del proprio sito web e il supporto al marketing turistico.

La scelta da parte dell’Amministrazione di affidare il servizio a “Biofan” è in linea con il programma di sviluppo regionale e segue l’adesione del comune di Cinigiano al Protocollo di rete sulla cooperazione di comunità in Toscana e al Protocollo di intesa tra Regione Toscana, Anci e Comuni Toscani per la creazione di una rete per l’economia collaborativa e l’innovazione civica.

Commenti