Riparte la raccolta fondi del Comitato per la Vita: obiettivo un ecografo da 140 mila euro

GROSSETO – Quando a marzo il Coronavirus ha messo in ginocchio il nostro Paese e tutto il mondo, il Comitato per la Vita onlus, insieme a Banca Tema e Tema vita, decise immediatamente di farsi promotore di una maratona di solidarietà per acquistare materiale e strumenti per l’emergenza da donare all’ospedale Misericordia di Grosseto.

“Era già stata annullata la Festa di Primavera – raccontano dal Comitato per la Vita – e noi del Comitato volevamo mettere a disposizione le nostre forze per essere di aiuto alla comunità grossetana, come facciamo da sempre, a favore del malato. Così, insieme a Banca Tema e Tema Vita abbiamo deciso di aprire un conto corrente specifico e il risultato è stato straordinario e superiore alle aspettative: abbiamo raccolto 62,489,75 euro immediatamente trasformati in un ecografo polmonare MyLab x6 configurazione Covid 19 donato all’UOC di Pneumologia; un ventilatore polmonare Hamilton mod c6 donato all’UOC Anestesia e Rianimazione; oltre a materiale vario, mascherine, guanti, necessario al contenimento del Coronavirus”.

“Purtroppo non abbiamo potuto fare nessuna delle manifestazioni che da sempre facciamo, neppure il Mercatino dei ragazzi – precisa Roberto Dottori a capo del comitato scientifico dell’associazione – non possiamo però fermarci. I malati di tumori ci sono ancora e purtroppo, anche a causa del Covid, alcune persone ritardano a fare esami vari anche per paura in questo momento. E invece i tumori non aspettano. Per questo riapriremo il conto corrente con l’obiettivo di acquistare un ecografo fusion con cui fare biopsie mirate alla prostata per evitare sofferenza ai pazienti che devono andare fuori a farle. Il costo è di circa 140 mila euro”.

Comitato per la Vita e banca Tema

Da parte di Banca Tema e Tema Vita c’è stata un’adesione totale considerando anche che l’acquisto di ventilatori polmonari risponde ad un’esigenza immediata e straordinaria del momento ma resta poi strumentazione a disposizione del nostro ospedale.

“Da molti anni ormai collaboriamo con il Comitato per la Vita – ha detto il direttore generale Banca Tema Fabio Becherini – abbiamo un rapporto di stima e fiducia reciproca che si è rafforzato durante l’emergenza sanitaria attuale. La raccolta fondi per la donazione di un ventilatore polmonare all’Ospedale Misericordia è stata un’iniziativa accolta e sentita da tutta la comunità ed è stata una grande soddisfazione per noi aver preso parte attiva al progetto”.

“Il vostro impegno quotidiano sul territorio è un prezioso esempio di cooperazione per la collettività, un lavorare insieme per supportare i vostri assistiti e le loro famiglie – ha aggiunto rivolgendosi al Comitato per la Vita il presidente Tema Vita Francesco Gentili – La “missione” del Comitato per la Vita è vicina a quella della nostra mutua e partecipare alla realizzazione di progetti comuni è un piacere e una risorsa per le nostre comunità”.

“La generosità è più potente del Covid – commenta Massimo Forti, direttore dell’ospedale Misericordia – Lo abbiamo ribadito spesso e anche questa volta così è stato, grazie all’impegno del Comitato per la vita che ha sensibilizzato e raccolto la volontà dei cittadini maremmani di dare un sostegno concreto nella lotta al Covid. Le strumentazioni e i dispositivi di protezioni che abbiamo avuto la possibilità di acquistare con le considerevole somma raggiunta sono determinanti nella cura dei pazienti ricoverati in area Covid. Alla luce dell’andamento generale dei contagi, purtroppo in crescita, questo gesto di altruismo aggiunge sicurezza nell’assistenza dei pazienti Covid-positivi anche in un’ottica futura. Il Comitato, come tante altre associazioni di volontariato del nostro territorio, si è sempre dimostrato vicino ai professionisti del Misericordia e quindi anche alla salute dei cittadini. A nome di tutta la Sud Est ringrazio i componenti del Comitato per la Vita, il suo presidente Oreste Menchetti e tutte le persone che hanno deciso di contribuire”.

“Il Comitato per la Vita ci ha sempre dato tanto. Avendo avuto un tumore al seno so quel che vuol dire avere persone accanto e che ci siano i macchinari adeguati per la diagnostica” afferma l’assessore del Comune di Grosseto Mirella Milli.

“Si chiude un’iniziativa – dichiara ancora il Comune – che ha enormemente dimostrato il buon cuore e lo spirito di solidarietà della comunità grossetana. Ciò che è avvenuto, nato dalla sinergia tra il Comitato per la Vita, Banca Tema e Tema Vita, e poi con le donazioni dei nostri cittadini, è un qualcosa di cui dobbiamo andare tutti fieri. Oggi, infatti, l’ospedale Misericordia di Grosseto può contare su una strumentazione maggiore rispetto al passato, grazie proprio all’iniziativa “Tutti insieme contro il Coronavirus”. Senza dubbio questo è un messaggio che ci dà ancor più speranza – e forza – per affrontare il presente ed anche il futuro.”

Intanto il Comitato per la Vita si è visto costretto ad annullare anche il Mercatino dei Ragazzi, l’evento che dal 1983 caratterizza l’associazione permettendo di raccogliere anche in un solo giorno cifre eccezionali da trasformare in macchinari per la prevenzione, diagnosi e cura del tumore a Grosseto. A fronte di questa situazione di emergenza che colpisce anche la solidarietà, il Comitato per la Vita sta organizzando nuovi progetti per continuare a “donare” nonostante l’annullamento dei grandi eventi in piazza.

E, come conferma la vicepresidente Patrizia Betti “stiamo già lavorando alle calze della Befana che saranno acquistabili non solo in piazza ma anche ai centri commerciali Maremà e Aurelia Antica”.

Commenti