Cantiere Cultura è già a lavoro: ecco il programma per Follonica fotogallery

FOLLONICA – Il consiglio direttivo del Cantiere Cultura era quasi al completo questa mattina in sala consigliare alla presentazione del programma culturale dell’autunno follonichese. Elisa Maggi, Sandro Petri, Riccardo Carresi, insieme al presidente Salvatore Acquilino, l’assessore alla cultura Barbara Catalani e il sindaco Andrea Benini, oltre a presentare la rassegna degli eventi, hanno raccontato anche delle difficoltà che il comitato ha dovuto affrontare negli ultimi sei mesi.

Infatti sono stati momenti difficili per il mondo della cultura e i suoi addetti, ma il comitato del Cantiere della città ha incessantemente lavorato nonostante l’emergenza sanitaria e la chiusura praticamente totale delle loro attività.

«È stato un lavoro di gruppo – afferma Gianluca Acquilino – in cui nessuno si è tirato indietro e ognuno ha messo tutta la sua professionalità, un lavoro complicato anche con le associazioni di cui molte hanno sofferto l’emergenza. Paradossalmente l’Italia è un paese che si basa sulla cultura eppure è il mondo che ha sofferto di più».

«Nonostante questo – prosegue – abbiamo proseguito il nostro percorso orientato allo sviluppo culturale inclusivo della città e del territorio, attraverso attività di formazione, di progettazione e di partecipazione a bandi regionali».

Uno dei risultati è l’aggiudicazione di due bandi regionali in ambito dell’arte contemporanea e rigenerazione urbana che si aggiunge al successo dello scorso anno in cui si erano aggiudicato il bando “Toscanacontemporanea 2019” con il progetto “La fabbrica della città”, il quale, in collaborazione con la cooperativa Arcobaleno e i Comuni Follonica e Montieri, si sono realizzati diversi interventi artistici nell’area ex-Ilva e nel borgo di Boccheggiano.

«L’amministrazione comunale – aggiunge Barbara Catalani, assessore alla cultura – da sempre appoggia il Cantiere Cultura e la nostra collaborazione nasce dalla volontà di creare una comunità della cultura. Mettere insieme tante realtà culturali insieme ha generato una straordinaria capacità di risposta e oggi presentiamo un progetto che viene da lontano. Tanti eventi animeranno la nostra città e non saranno soltanto spazi di consumo bensì di crescita di una comunità, grazie a un progetto pensato a lungo respiro proprio per lasciare un segno permanente».

Anche per questo il Cantiere Cultura chiede la collaborazione dei cittadini. Sul sito www.cantiereculturafollonica.it è stato inserito un questionario, anonimo e gratuito, per conoscere i consumi in ambito culturale e di tempo libero, come strumento per migliorare l’offerta culturale della città.

Ma quali sono le novità di quest’anno? Il percorso intrapreso si è ampliato con due ulteriori tappe del percorso.

La prima “Mappe in movimento” è orientata alla “riappropriazione” degli spazi urbani da parte dei cittadini attraverso workshop, curati da Laura Scudella e Francesca Balducci, che porteranno i partecipanti (adolescenti e adulti) a riscoprire i quartieri in cui vivono, Senzuno e Cassarello, attraverso passeggiate guidate e successivi laboratori di mappatura “personale”, che faranno emergere storie, vissuti, emozioni dei cittadini di quei quartieri.

La seconda azione, “Ascolto il tuo cuore città”, è un progetto di mappa sonora della città di Follonica, realizzata grazie alla collaborazione di Andrea Gozzi. I suoni della natura, i rumori dei quartieri, le memorie (di adulti e adolescenti) legate ai luoghi saranno ascoltabili da tutti, online, e permetteranno anche di farsi guidare, grazie ad una app, in una visita alla città completamente inedita. Anche questo progetto sarà possibile grazie a un workshop, appena iniziato, di educazione al suono e all’ascolto, che sta coinvolgendo un gruppo di adolescenti.
Le stesse attività saranno realizzate anche a Montieri, comunità strettamente legata a quella di Follonica.

Infine i due percorsi daranno vita a due intense giornate di incontri pubblici, dove il tema della sensibilizzazione alla cittadinanza attiva e alla predisposizione all’ascolto e all’attenzione, nel senso più ampio del termine, saranno al centro. Interverranno alle due giornate i protagonisti del dibattito nazionale sui singoli temi: architetti, sociologi, ricercatori, musicisti.

A fianco di questo il Cantiere Cultura, insieme alla Biblioteca della Ghisa di Follonica, ha predisposto un programma per i mesi autunnali sui libri e sugli autori.

Una rassegna intitolata “Spaesati”, termine inteso in tutte le sue accezioni e significati, dallo smarrimento personale allo spopolamento dei paesi, fino ai temi del diritto alla cittadinanza italiana. Una parola quanto mai attuale dato in questo momento, sulla quale saranno chiamati a riflettere, e a farci riflettere, alcuni dei più importanti scrittori e saggisti italiani: Tomaso Montanari, Teresa Ciabatti, Valeria Parrella, Jonathan Bazzi, Igiaba Scego.

Questa rassegna avrà un’anteprima questo fine settimana. Sabato 3 ottobre la scrittrice e storica Vanessa Roghi, intervistata da Barbara Sandrucci, presenterà il suo testo su Gianni Rodari, “Lezioni di Fantastica”, realizzato in occasione dei 100 anni dalla nascita. L’incontro è in collaborazione con la rassegna teatrale Teatro on Air, che la sera proporrà il racconto di Rodari “La freccia azzurra” letto da Ascanio Celestini.

Il giorno dopo, domenica 4 ottobre, Sacha Naspini, intervistato da Mimmo Fiorani, parlerà del suo ultimo lavoro “Nives”: questo segnerà il primo appuntamento di “Spaesati” dove, partendo dal libro, il tema sarà declinato attraverso le vicende, i profili dei personaggi e le loro storie.

Commenti