Prodotti sicuri: arrivano le guide online della Camera di Commercio

Più informazioni su

GROSSETO – Cresce la sensibilità e l’attenzione verso i prodotti sicuri: dalle calzature ai giocattoli, dai prodotti elettrici ai tessuti, la Camera di commercio diffonde il quadro di regole che si rivolge a due tipi di utenti: i consumatori, che devono essere sempre più accorti nel riconoscere la composizione e le caratteristiche di ciò che acquistano; e i produttori, che devono immettere sul mercato prodotti conformi.

Proprio per questo scopo la Camera di commercio attua periodicamente campagne di sensibilizzazione e di informazione. Lo fa adesso invitando i produttori e distributori a visitare il sito https://www.prodottisicuri.it/sei-un-operatore, portale nazionale sviluppato dal Ministero dello Sviluppo economico e da Unioncamere. In particolare – informa l’ufficio competente – sono state realizzate quattro guide snelle che riassumono i principali obblighi degli operatori economici in materia di etichettatura per assicurare ampia tutela ai consumatori. Adempiere a questi obblighi per chi produce o per chi distribuisce è sinonimo di trasparenza e affidabilità, valori irrinunciabili per rimanere competitivi, nel tempo, sul mercato.

Inoltre è importante sapere che le inadempienze danno luogo a sanzioni, conseguenti ad accertamenti di violazioni eseguiti dalle forze dell’ordine. Perciò, se i fabbricanti o i distributori si rendono conto che un prodotto è pericoloso devono immediatamente avvertire le autorità competenti.

Questa delicata e importante materia è regolata sia a livello europeo che nazionale. Le Camere di commercio sono i soggetti cui viene demandato il compito di svolgere una serie di attività nel campo della tutela della fede pubblica che include anche il controllo e la vigilanza: per un mercato trasparente che veda prevalere rapporti commerciali corretti, a tutela, anche, degli operatori economici che agiscono nel rispetto delle norme. Sul sito camerale, un’ampia sezione è dedicata alla regolazione del mercato e alla tutela del consumatore.

Più informazioni su

Commenti