Pattinaggio e hockey tornano a Gavorrano, corsi in sicurezza per tutti gli atleti

GAVORRANO – Tutti sulle rotelle con tante novità in arrivo. Hockey e pattinaggio artistico ripartono per la nuova stagione in totale sicurezza e a costi agevolati. L’Asd Pattinaggio Artistico e Hockey Bagno di Gavorrano ha infatti deciso che, nonostante le difficoltà incontrate a seguito del lockdown come tutte le piccole associazioni sportive, è giusto ripartire rilanciando le proprie attività sportive e investire sui ragazzi.

La società sportiva, anche nel periodo di emergenza sanitaria ha lavorato dietro le quinte per poter assicurare a bambini e ragazzi la possibilità di accedere allo sport: è stato infatti previsto per chi vuol imparare a pattinare, prove gratuite e fornitura di pattini, nonché per chi decide di frequentare il corso, la possibilità di noleggio dei pattini a costi convenzionati e l’invariabilità delle quote di iscrizione.

Domenico Iannibelli, presidente dell’associazione sportiva, è inoltre fiero di annunciare che finalmente, dopo tanti anni e grazie alla collaborazione con l’Asd Follonica Hockey 1952, torna la disciplina dell’hockey anche a Gavorrano, con la possibilità di frequentare il corso in modo gratuito fino alla fine del 2020.
Merita inoltre un richiamo il progetto lanciato dalla società, in collaborazione con il Comune di Gavorrano, che prevede la possibilità di pattinare a titolo completamente gratuito, per i bambini e ragazzi portatori di disabilità.

Un’atra grande buona notizia per la nuova stagione sportiva 2020/2021, è che la società si è inoltre adoperata per garantire ai propri atleti la possibilità di non sospendere gli allenamenti a causa della brutta stagione come accadeva spesso negli anni passati e per garantire la continuità di un corso di preparazione atletica da affiancare agli allenamenti.
«Tutte le attività dell’Asd – precisa il presidente Iannibelli – vengono inoltre svolte nella massima sicurezza rispettando le misure interne (controllo della temperatura corporea all’accesso, mascherina negli spazi comuni, separazione di ingressi ed uscite, postazioni per l’igienizzazione delle mani) nonché tutti i protocolli emessi della Fisr».

Commenti