Barca in difficoltà, rischia di affondare. Corsa contro il tempo della Guardia Costiera

Più informazioni su

ISOLA DEL GIGLIO – Poco dopo mezzogiorno di oggi (19 settembre) giungeva, via radio sul canale 16 VHF, una chiamata di “Mayday” da parte di una unità a vela di 10 metri, con a bordo 4 persone, che si trovava a circa 1,5 miglia al largo della punta del Fenaio di isola del Giglio che stava imbarcando acqua.

La richiesta di soccorso veniva ricevuta dalle sale operative della Guardia Costiera di Livorno e di Porto Santo Stefano che faceva subito dirigere sul posto la Motovedetta CP 892 ed il battello Guardia Costiera di stanza al Giglio.

Sul posto nel frattempo giungeva un’altra imbarcazione da diporto per fornire una prima assistenza all’unità in difficoltà.

All’arrivo dei mezzi della Guardia Costiera 3 dei 4 diportisti presenti a bordo, tutti in buone condizioni di salute, sono stati fatti salire sulla motovedetta e a quel punto i militari, insieme al proprietario della barca hanno provato ad intervenire sull’avaria che comportava l’infiltrazione dell’acqua al fine di scongiurare il rischio di affondamento. Con tale primo intervento di ripristino si riusciva a mettere in sicurezza l’unità che riusciva cosi a raggiungere il vicino porto di isola del Giglio dove arrivava scortata dalle motovedette.

Più informazioni su

Commenti