Un anno di concerti, conferenze, mostre, spettacoli per celebrare i 700 anni dalla morte di Dante. Il programma

GROSSETO – “Il comitato celebrativo “La Maremma per Dante, Cultura per la vita 1321 – 2021” con il coinvolgimento di numerosi ed importanti organismi culturali, scientifici, pubblici e associativi cittadini, insieme a molte persone che si sono sentite direttamente coinvolte in questo ampio progetto culturale, propone alla comunità nazionale e internazionale eventi letterari, teatrali, di ricerca, espositivi, musicali, didattici, attività sportive e conviviali, visite guidate, produzioni editoriali, percorsi itineranti nei luoghi citati nella Commedia dantesca”.

Così Francesco Donati, presidente del comitato La Maremma per Dante, che nei giorni scorsi ha presentato il programma per i festeggiamenti in occasione dei 700 anni dalla nascita del padre della Divina commedia. Concerti, conferenze, mostre, percorsi guidati, spettacoli e attività sportive che saranno realizzate tra febbraio e novembre 2021 in Maremma.

“Intendiamo lasciare testimonianza tangibile del VII Centenario dantesco – proseguono -, in virtù del rapporto tra il territorio della Maremma toscana e l’opera dantesca. Ci facciamo promotori anche di due interventi strutturali, che testimoniano la volontà di continuare il percorso oltre il 2021: “La Sala Dantesca” e l’ipotesi di ” Parco Letterario” da realizzare in futuro.

Il programma corposo e articolato che presentiamo il 10 settembre 2020 chiude di fatto la fase organizzativa, avviata a ottobre del 2019, e ci proietta immediatamente in quella successiva, che vedrà tutti impegnati per più di un anno a vario titolo.

In qualità di presidente del comitato celebrativo, vorrei sottolineare almeno tre novità: la significativa portata internazionale, come si evince dal nome dei relatori internazionali – presenti a Grosseto oppure contattati per via telematica -, il forte dialogo con il mondo scolastico, che presuppone il protagonismo degli studenti in alcuni eventi e la collaborazione preziosa degli insegnanti, e soprattutto il coinvolgimento dell’intero territorio maremmano che diventa parte attiva nella progettazione e realizzazione dell’evento celebrativo.

Questo ulteriore percorso culturale che nasce con il VII centenario dantesco – conclude il presidente – vuole aprire alla formazione, alla volontà di un lavoro sinergico nel segno dello sviluppo delle singole realtà territoriali ed ad una sempre miglior conoscenza della Maremma toscana, dei suoi valori, delle sue bellezze e del suo saper fare”.

Campagnatico, Gavorrano, Sovana (Sorano), Castell’Azzara, Santa Fiora e Talamone (Orbetello): sono i luoghi maremmani che Dante ricorda nella Commedia in modo diretto o attraverso personaggi che qui vissero e, tra la primavera e l’estate del 2021, saranno teatro del Fine settimana medievale.

Workshop e percorsi guidati animeranno i borghi nell’arco di tre intese giornate organizzate dalle Pro Loco locali nell’ambito del ricco programma di festeggiamenti per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta toscano, promossi dal comitato celebrativo “La Maremma per Dante, cultura per la vita”.

Presieduto da Francesco Donati e coordinato da Renata Adriana Bruschi, il comitato “La Maremma per Dante, Cultura per la vita 1321 – 2021” con il coinvolgimento di numerosi ed importanti organismi culturali, scientifici, pubblici e associativi, propone un programma, presentato alla ProLoco di Grosseto, ricco di concerti, conferenze, mostre, percorsi guidati, spettacoli e attività sportive: circa 80 eventi itineranti tra Grosseto e i centri della Provincia, che intendono evidenziare e significare il legame tra Dante e la Maremma, storicamente provato.

L’attore e regista teatrale Giacomo Moscato coordinerà la parte relativa agli spettacoli sulle opere dell’Inferno, Purgatorio, Paradiso e Vita Nova con l’intento di “far conoscere Dante anche a chi non l’ha letto o studiato, con un approccio più emozionale che filologico” portandolo nelle piazze, nei teatri, nelle biblioteche e per le strade dei centri storici maremmani. Gli interpreti delle messe in scena saranno alcuni tra i più importanti professionisti del settore presenti sul nostro territorio, ma anche gli studenti delle scuole medie e superiori della provincia di Grosseto; anche i bambini delle scuole elementari saranno coinvolti e condotti alla scoperta del genio immortale di Dante Alighieri.

In coincidenza con il Dantedì, che ricorre ogni 25 marzo, sarà presentata come novità assoluta la lettura, affidata a studenti liceali, di alcuni versi della Commedia tradotti in varie lingue. L’evento si svolge nell’arco di tre giorni, giovedì 25, venerdì 26 e sabato 27 marzo 2021, presso l’Aula Magna del Polo Universitario, con il nome di “Arcobeleno dantesco”. Tre giorni dedicati a conoscere la diffusione internazionale dell’opera dantesca, in collaborazione con la Fondazione Polo Universitario Grossetano e la Società Dante Alighieri di Grosseto, che prevede anche una mostra sui commentatori di Dante e vari laboratori tra cui un corso di scrittura trecentesca.

Tra i protagonisti dell’anno dantesco la Corale Puccini lancia un concorso di composizione corale “Puccininsieme al Sommo Poeta” sotto la Direzione artistica del maestro Walter Marzilli, aperto a compositori di qualunque età, nazionalità o residenza che intendano musicare testi di Dante Alighieri. Il termine d’iscrizione scade il prossimo Aprile e la proclamazione dei vincitori avverrà entro fine Maggio 2021. La giuria di caratura internazionale sarà composta dai maestri Walter Marzilli, Mario Lanaro e Lorenzo Donati (Italia), Ivan Florjanc (Slovenia) e Antonio Maria Russo (Argentina). I brani vincitori o segnalati saranno eseguiti in prima assoluta dalla Corale Puccini, a conclusione del programma celebrativo “La Maremma per Dante”, al Teatro degli Industri a fine novembre 2021. Il bando e le informazioni utili si possono reperire sul sito internet della Corale Puccini.

Dieci mesi di eventi, da marzo a novembre 2021, che avranno il sottofondo musicale di un brano inedito realizzato in esclusiva per il comitato celebrativo dal giovane compositore romano Riccardo Fruscella, dal titolo“Composizione per Dante 2021” .

Il noto disegnatore grossetano Carlo Rispoli ha realizzato logo, manifesto e mappa dei luoghi danteschi.

LA MAREMMA DI DANTE

“ricordati di me, che son la Pia;
Siena mi fé, disfecemi Maremma:
Salsi colui che ‘nnanellata pria
disposandomi m’avea con la sua gemma”.
Purg. V, vv. 130 – 136

I riferimenti alla Maremma contenuti nella Commedia dantesca riprendono vicende ambientate in specifiche località o ricordano personaggi vissuti nel territorio maremmano, dalla leggendaria Pia de’ Tolomei agli Aldobrandeschi.

In estrema sintesi, Dante cita la Maremma, in quanto territorio e paesaggio, già nei canti dell’Inferno, mentre i riferimenti a personaggi e a precise località maremmane appaiono nei canti del Purgatorio. Talvolta sono allusioni di non semplice identificazione.

Per quanto concerne le citazioni di località maremmane che coinvolgono personaggi dell’epoca, Dante riporta tra le terzine del Purgatorio alcuni riferimenti a vicende familiari che hanno ripercussione sul piano della politica. In particolare, si tratta di momenti legati a conflitti territoriali tra liberi comuni, a volte frutto di politiche espansive, altre di rapporti con l’imperatore e quindi ripropongono la più ampia contrapposizione più tra guelfi e ghibellini.

la maremma per dante programma

Per info:
email: info.lmpdante@gmail.com

https://twitter.com/LMpD21
https://twitter.com/Lm4Dante
https://www.instagram.com/lamaremmaperdante/
https://www.facebook.com/groups/LMpD21/
https://www.facebook.com/LaMaremmaperDante
https://www.youtube.com/Lamaremmaperdante2021

 

Commenti