Ambra Sabatini in mostra agli assoluti, terza dietro le “big” Caironi e Contraffatto

PORTO ERCOLE – Prosegue a Jesolo la favola di Ambra Sabatini. Nella prima giornata di gare per gli assoluti FISPES 100 mt T42, programma nella città veneta, la 18enne portacolori dell’Atletica Grosseto Banca Tema e testimonial dell’associazione SuperAbile Viterbo, si è piazzata infatti alle spalle delle due campionesse della nazionale italiana paralimpica Martina Caironi e Monica Contraffatto.

Per Ambra un grandissimo risultato non soltanto perché era all’esordio in una competizione nazionale ma anche perché, soprattutto psicologicamente, doveva riscattare la gara di Siena terminata con l’amaro in bocca. E ci è riuscita alla grande.

“Ambra è sempre la solita: una vincente – afferma il suo allenatore Jacopo Boscarini – e così dopo una delusione com’è successo a Siena, invece di piangersi addosso si è concentrata, ha studiato l’errore ed ha fatto una grandissima partenza. Due piccole sbavature ma con grinta ha continuato a tenere la spinta attiva. 16.68 è più o meno il tempo che speravamo ma ci sono un sacco di dettagli che possono fare calare di parecchio questo rilevamento cronometrico. Ieri agli amici di SuperAbile Viterbo avevo dato i ringraziamenti a tutti quelli che hanno permesso ad Ambra di essere qui. Oggi però voglio solo ringraziare lei , è la sua giornata a un anno preciso dalla prima prova di protesi. Ha fatto e sta facendo qualcosa di grande per lo sport , qualcosa che tutti noi ci ricorderemo per sempre”.

Buone notizie anche dal salto in lungo: nella seconda giornata è arrivato il 3.83m di Ambra, all’esordio nella specialità.
Dopo un nullo iniziale arrivano 5 salti tutti ampiamente sopra i 3m.  “Sono molto contenta di come è andata – ha detto Ambra dopo la prima giornata di gare – Volevo riscattare la gara di Siena e credo di avercela fatta. Rimango concentrata sul lavoro e sui nostri obiettivi. Oggi c’è stato anche il lungo e ho ritrovato Martina Caironi dalla quale cerco di imparare il più possibile la tecnica del salto. Grazie a tutti per il caloroso supporto che mi state dando, anche a distanza”.

Commenti