Traffico ridotto del 60% alla Cittadella: «Miglioriamo i trasporti ed evitiamo gli assembramenti»

Più informazioni su

GROSSETO –  Ridotto del 60% il traffico presente nella Cittadella dello studente: questo l’obiettivo raggiunto grazie ad un progetto creato in sinergia tra Comune, Provincia e Tiemme. Il progetto, che ha avuto anche il via libera dal Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica che si è svolto ieri in Prefettura, prevede l’installazione di una nuova fermata in piazza Risorgimento, che avverrà per ora in via sperimentale, e che servirà a decongestionare il traffico nell’area interna alla Cittadella, in cui sono concentrati la maggior parte degli istituti superiori della città e delle strutture ad essi collegati. Un parte degli autobus che precedentemente circolavano all’interno del presidio studentesco ora si fermeranno in corrispondenza della corsia di ingresso con svolta a destra verso via Brigate Partigiane alla rotatoria di Piazza Risorgimento. A sostegno di questa modifica alla viabilità è ulteriormente prevista l’installazione di una segnaletica orizzontale che dividerà le due corsie su via Brigate Partigiane e che consentirà una migliore canalizzazione del traffico.

“La riforma del traffico in zona Cittadella dello studente è frutto di un lavoro congiunto che ha visto protagonisti il Comune di Grosseto insieme con la Provincia e Tiemme, gestore del servizio di trasporto pubblico locale – affermano Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sindaco e presidente della Provincia di Grosseto e Fausto Turbanti, assessore alla viabilità -. L’idea nasce da una delle tante riunioni che si sono svolte nell’arco dell’ultimo periodo per la riorganizzazione dei servizi legati al rientro a scuola. Uno dei problemi che ci siamo trovati ad affrontare è stato quello del trasporto pubblico utilizzato quotidianamente dagli studenti. Con la capienza prevista dai protocolli di prevenzione anti-covid, sono infatti previsti più mezzi a supporto dei ragazzi”.

“Un numero maggiore di autobus che transitano, soprattutto in un’area particolarmente densa di edifici scolastici, significa maggior possibilità di assembramenti – proseguono –  Una fermata esterna al perimetro della Cittadella permette una maggiore ripartizione degli studenti, minimizzando la possibilità di assembramenti nei punti critici all’interno, mentre la suddivisione di via Brigate Partigiane aiuterà un più efficiente scorrere del traffico. Vogliamo ricordare che si tratta di una misura sperimentale: l’inizio delle lezioni segnerà un momento cruciale, in cui molte delle soluzioni che sono state ideate in funzione della riapertura delle scuole verranno finalmente messe alla prova, per cui chiediamo ai genitori e agli studenti di avere un poco di pazienza. Comune e Provincia continueranno a lavorare e a dare la massima disponibilità per garantire che tutti funzioni nel miglior modo possibile”.

A supporto dell’organizzazione della viabilità all’interno della Cittadella ci sarà la polizia Provinciale: “L’installazione di una nuova fermata e l’alleggerimento del traffico all’interno della Cittadella sono accorgimenti importanti per garantire agli studenti un rientro a scuola in tutta sicurezza – affermano il consigliere provinciale con delega alla viabilità, Marco Biagioni e il consigliere provinciale con delega alla Polizia provinciale, Bruno Ceccherini -. Insieme a queste misure è però necessario ricordare agli studenti di evitare assembramenti e di rispettare le regole igienico-sanitarie anticovid. A presidio della Cittadella ci sarà la Polizia provinciale, che coordinerà il traffico, vigilerà per assicurare che, soprattutto durante i primi giorni di scuola, tutto si svolga nel migliore dei modi.”

Più informazioni su

Commenti