Giani a Grosseto: «Siamo dalla parte della comunità e della Toscana. La destra vuole modello Lombardia» fotogallery video

GROSSETO – Eugenio Giani a Grosseto, a dieci giorni dal voto per le regionali del 20 e 21 settembre, per lanciare lo sprint finale di una campagna elettorale inedita.

Eugenio Giani 2020 (piazza)

«Nella mia Toscana – ha detto Giani – la Maremma sarà centrale, la capitale di un territorio che punta su agricoltura e produzioni di qualità».

Il candidato alla presidenza del centrosinistra ha dedicato questo 11 settembre alla provincia di Grosseto con diversi incontri che l’hanno portato da stamattina a Orbetello a stasera con all’iniziativa di Follonica insieme al candidato sindaco Andrea Benini.

Tra le tante iniziative anche la tappa intermedia del pomeriggio a Grosseto. Qui Giani ha prima partecipato all’incontro confronto con i cittadini al gazebo Pd di piazza Stammati insieme a Lorenza Bonacorsi, sottosegretario di Stato del Ministero per i beni e le attività culturali, e poi si è spostato in piazza Pacciardi per il comizio alla presenza di tanti simpatizzanti e di tutti i candidati delle sei liste che lo sostengono alla corsa per la presidenza. 

«La sfida è tra due modi diversi di vedere la società, tra centrosiistra e centrodestra – ha detto Giani – tra chi sceglie la comunità e la disponibilità verso chi è in difficoltà e chi invece preferisce l’individualismo e la competizione. La sfida è tra chi vuole il modello Toscana che ci invidiano in tutto il mondo e chi invece vuole importare qui il modello Lombardia. E questo a partire dalla sanità».

Commenti